Risorse per a Tua Crescita Spirituale

 

AfrikaansShqipአማርኛالعربيةՀայերենAzərbaycan diliEuskaraБеларуская моваবাংলাBosanskiБългарскиCatalàCebuanoChichewa简体中文繁體中文CorsuHrvatskiČeština‎DanskNederlandsEnglishEsperantoEestiFilipinoSuomiFrançaisFryskGalegoქართულიDeutschΕλληνικάગુજરાતીKreyol ayisyenHarshen HausaŌlelo Hawaiʻiעִבְרִיתहिन्दीHmongMagyarÍslenskaIgboBahasa IndonesiaGaeligeItaliano日本語Basa Jawaಕನ್ನಡҚазақ тіліភាសាខ្មែរ한국어كوردی‎КыргызчаພາສາລາວLatinLatviešu valodaLietuvių kalbaLëtzebuergeschМакедонски јазикMalagasyBahasa MelayuമലയാളംMalteseTe Reo MāoriमराठीМонголဗမာစာनेपालीNorsk bokmålپښتوفارسیPolskiPortuguêsਪੰਜਾਬੀRomânăРусскийSamoanGàidhligСрпски језикSesothoShonaسنڌيසිංහලSlovenčinaSlovenščinaAfsoomaaliEspañolBasa SundaKiswahiliSvenskaТоҷикӣதமிழ்తెలుగుไทยTürkçeУкраїнськаاردوO‘zbekchaTiếng ViệtCymraegisiXhosaיידישYorùbáZulu

Cumu iniziu a vostra nova vita cun Diu ...

Cliccate nantu à a "GodLife" A sottu

discipulu

Cumu Pù Pruducte A Dio?

A Parolla di Diu dice: "senza fede hè impussibule di fà piacè à Diu" (Ebrei 11: 6). Per avè una relazione cù Diu una persona deve vene à Diu per fede per mezu di u so Figliolu, Ghjesù Cristu. Duvemu crede in Ghjesù cum'è u nostru Salvatore, chì Diu hà mandatu per more, per pagà a punizione per i nostri peccati. Simu tutti peccatori (Rumani 3:23). Tramindui I Ghjuvanni 2: 2 è 4:10 parlanu di Ghjesù chì hè a propitazione (chì significa solu pagamentu) per i nostri peccati. I Ghjuvanni 4:10 dice: "Ellu (Diu) ci hà amatu è hà mandatu u so Figliolu per esse propitiation per i nostri peccati." In Ghjuvanni 14: 6 Ghjesù disse: "Sò a Via, a Verità è a Vita; nimu vene à u Patre, ma per mè. " I Corinzi 15: 3 & 4 ci dice a bona nutizia ... "Cristu hè mortu per i nostri peccati secondu e Scritture è ch'ellu hè statu sepoltu è ch'ellu hè statu risuscitatu u terzu ghjornu secondu e Scritture". Questu hè u Vangelu chì duvemu crede è duvemu riceve. Ghjuvanni 1:12 dice: "Quelli chì l'anu ricevutu, li dau u dirittu di diventà figlioli di Diu, ancu à quelli chì credenu in u so nome". Ghjuvanni 10:28 dice: "Li dò a vita eterna è ùn pereranu mai".

Dunque a nostra relazione cun Diu ùn pò cumincià chè per a fede, diventendu figliolu di Diu per mezu di Ghjesù Cristu. Micca solu diventemu u so figliolu, ma Ellu manda u so Spìritu Santu per stà in noi (Ghjuvanni 14: 16 è 17). Colossians 1:27 dice: "Cristu in tè, a speranza di gloria".

Ghjesù si riferisce ancu à noi cum'è i so fratelli. Certamente vole chì sapemu chì a nostra relazione cun ellu hè famiglia, ma vole chì simu una famiglia stretta, micca solu una famiglia di nome, ma una famiglia di stretta fraternità. Revelazione 3:20 descrive u nostru diventà cristianu cum'è entrendu in una relazione di fraternità. Dice: «Stò à a porta è pichju; se qualchissia sente a mo voce è apre a porta, entreraghju, manghjaraghju cun ellu, è ellu cun mè. "

Ghjuvanni capitulu 3: 1-16 dice chì quandu diventemu cristianu simu "nati di novu" cum'è neonati in a so famiglia. Cum'è u so novu figliolu, è cum'è quandu un umanu nasce, noi cum'è criaturi duvemu cresce in a nostra relazione cun ellu. Cum'è un criaturu cresce, ampara sempre di più nantu à u so parente è diventa più vicinu à u so parente.

Eccu cumu hè per i cristiani, in a nostra relazione cù u nostru Babbu Celestiale. Quandu avemu amparatu cun ellu è cresce a nostra relazione diventa più stretta. E Scritture parlanu assai di a crescita è di a maturità, è ci insegna cumu fà questu. Hè un prucessu, micca un avvenimentu unicu, cusì cresce u termine. Hè ancu chjamatu abituale.

1). Prima, pensu, avemu bisognu di cumincià cù una decisione. Duvemu decide di sottumettesi à Diu, di impegnassi à seguità lu. Hè un attu di a nostra vuluntà di sottumettesi à a vuluntà di Diu sè vulemu esse vicinu à ellu, ma ùn hè micca solu una volta, hè un impegnu permanente (continuu). Ghjacumu 4: 7 dice: "sottumettevi à Diu". Rumani 12: 1 dice: "Ti pregu dunque, per misericordia di Diu, di presentà i to corpi un sacrifiziu vivu, santu, accettatu da Diu, chì hè u vostru serviziu ragiunevule" Questu deve cumincià cù una scelta unica, ma hè ancu un mumentu per scelta momentu cum'è in ogni relazione.

2). Dopu, è pensu di a più grande impurtanza, hè chì avemu bisognu di leghje è di studià a Parolla di Diu. I Petru 2: 2 dice: "Cum'è e zitelli chì nascenu desideranu u latte sinceru di a parolla chì puderete cresce cusì". Ghjosuè 1: 8 dice: "Ùn lasciate micca chì stu libru di a lege si alluntane da a vostra bocca, mediteghjelu ghjornu è notte ..." (Leghje ancu u Salmu 1: 2.) Ebrei 5: 11-14 (NVI) ci dice chì noi deve passà al di là di a zitellina è diventà maturi per "usu continuu" di a Parolla di Diu.

Ciò ùn significa micca leghje un libru nantu à a Parolla, chì ghjè di solitu l'opinione di qualcunu, per quant'elli sianu intelligenti, ma leghjendu è studendu a Bibbia stessa. Atti 17:11 parla di i Bereani dicendu: "Hanu ricivutu u messagiu cun grande ansia è anu esaminatu e Scritture ogni ghjornu per vede se ciò chì Paulu dissi era vera ". Avemu bisognu di pruvà tuttu ciò chì qualchissia dice per a Parolla di Diu, micca solu piglià a parolla di qualcunu per via di e so "credenziali". Avemu bisognu di fiducia in u Spìritu Santu in noi per insegnaci è cercà veramente a Parolla. 2 Timuteu 2:15 dice: "Studia per mostràvi appruvatu à Diu, un travagliu chì ùn hà micca bisognu di vergugnassi, dividendu à ragione (NIV trattendu currettamente) a parolla di verità". 2 Timuteu 3: 16 & 17 dice: "Tutte e Scritture sò date da l'ispirazione di Diu è sò prufittu per a duttrina, per a rimprova, per a currezzione, per l'istruzzioni in a ghjustizia, affinchì l'omu di Diu sia cumpletu (maturu) ..."

Stu studiu è a crescita hè cutidianu è ùn finisce mai finu à chì semu cun ellu in u celu, perchè a nostra cunniscenza di "ellu" porta à esse più simile à ellu (2 Curintini 3:18). Esse vicinu à Diu richiede una caminata quotidiana di fede. Ùn hè micca un sintimu. Ùn ci hè micca una "soluzione rapida" chì sperimentemu chì ci dà una stretta cunfraternità cun Diu. A Scrittura insegna chì camminemu cun Diu per fede, micca per vista. Tuttavia, credu chì quandu andemu costantemente per fede, Diu si face cunnosce in modi inaspettati è preziosi.

Leghje 2 Petru 1: 1-5. Ci dice chì crescemu in caratteru mentre passemu u tempu in a Parolla di Diu. Dice quì chì duvemu aghjunghje à a fede bontà, poi cunniscenza, autocontrollo, perseveranza, pietà, bontà fraterna è amore. Passendu u tempu in studiu di a Parolla è in ubbidienza ad ella aghjustemu o custruimu caratteru in a nostra vita. Isaia 28: 10 & 13 ci dice chì amparemu precettu nantu à precettu, linea nantu à linea. Ùn sapemu micca tuttu in una volta. Ghjuvanni 1:16 dice "grazia nantu à grazia". Ùn amparemu micca tutti in una volta cum'è cristiani in a nostra vita spirituale più di i zitelli crescenu in una volta. Basta à ricurdà chì questu hè un prucessu, crescente, un caminu di fede, micca un avvenimentu. Cum'è l'aghju dettu, hè ancu chjamatu stà in Ghjuvanni capitulu 15, stà in ellu è in a so Parolla. Ghjuvanni 15: 7 dice: "Se restate in Me, è e mo Parolle fermanu in voi, dumandate ciò chì vulete, è serà fattu per voi".

3). U Libru di I Ghjuvanni parla di una relazione, di a nostra fraternità cun Diu. A cunfraternità cù un'altra persona pò esse rotta o interrotta da u peccatu contr'à elli è questu hè ancu veru per a nostra relazione cù Diu. I Ghjuvanni 1: 3 dice: "A nostra fraternità hè cù u Patre è cù u Figliolu Ghjesù Cristu". U versu 6 dice: "Se dicemu avè fraternità cun ellu, eppuru camminemu in a bughjura (peccatu), mentimu è ùn campemu micca da a verità". U versu 7 dice: "Se camminemu in a luce ... avemu fraterna cun noi ..." In u versu 9 vedemu chì se u peccatu interrompe a nostra fraternità, avemu solu bisognu di cunfessà u nostru peccatu à ellu. Dice: "Se confessemu i nostri peccati, Ghjesù hè fidu è ghjustu per pardunacci i nostri peccati è purificacci da ogni iniquità". Per piacè leghjite stu capitulu sanu.

Ùn perdemu micca a nostra relazione cum'è u so figliolu, ma duvemu mantene a nostra fraternità cun Diu confessendu tutti i peccati ogni volta chì fallemu, u più spessu necessariu. Duvemu ancu permette à u Spìritu Santu di dacci vittoria annantu à i peccati chì tendemu à ripeteci; ogni piccatu.

4). Ùn duvemu micca solu leghje è studià a Parolla di Diu, ma duvemu ubbidì, chì aghju dettu. Ghjacumu 1: 22-24 (NVI) afferma: "Ùn ascultate micca solu a Parolla è cusì ingannatevi. Fate ciò chì dice. Chiunque ascolta a Parolla, ma ùn face micca ciò chì dice hè cum'è un omu chì si feghja u visu in un spechju è dopu avè guardatu si ne và è smintica subitu ciò ch'ellu pare ". U versu 25 dice: "Ma l'omu chì guarda attentamente a legge perfetta chì dà a libertà è continua à fà quessa, senza scurdassi di ciò ch'ellu hà intesu, ma fendu lu - serà benedettu in ciò ch'ellu face". Questu hè cusì simile à Joshua 1: 7-9 è Salmu 1: 1-3. Leghjite puru Luke 6: 46-49.

5). Un'altra parte di questu hè chì avemu bisognu di diventà parte di una chjesa locale, induve pudemu sente è amparà a Parolla di Diu è avè fraternità cù altri credenti. Questu hè un modu in quale ci hè aiutatu à cresce. Questu hè chì ogni credente riceve un rigalu speciale da u Spìritu Santu, cum'è una parte di a chjesa, chjamata ancu "u corpu di Cristu". Questi doni sò elencati in vari passaggi di a Scrittura cum'è Efesini 4: 7-12, I Corinzi 12: 6-11, 28 è Rumani 12: 1-8. U scopu di sti doni hè di "custruisce u corpu (a chjesa) per u travagliu di u ministeru (Efesini 4:12). A chjesa ci aiuterà à cresce è noi a so volta pudemu aiutà l'altri credenti à cresce è diventà maturi è ministru in u regnu di Diu è guidà l'altri à Cristu. Ebrei 10:25 dice chì ùn duvemu micca abbandunà a nostra assemblea inseme, cum'è l'abitudine di alcuni, ma incuragisce l'unu l'altru.

6). Un'altra cosa chì duvemu fà hè pregà - pregà per i nostri bisogni è i bisogni di l'altri credenti è per i non salvati. Leghje Matteu 6: 1-10. Filippesi 4: 6 dice: "lasciate cunnosce e vostre richieste à Diu".

7). Aghjunghjite à questu chì duvemu, cum'è parte di l'ubbidienza, amassi l'unu l'altru (Leghje I Corinzi 13 è I Ghjuvanni) è fà boni travagli. E bone opere ùn ci ponu micca salvà, ma ùn si pò micca leghje e Scritture senza determinà chì duvemu fà boni travagli è esse gentili cun l'altri. Galati 5:13 dice, "per amore servitevi l'altri". Diu dice chì simu stati creati per fà boni travagli. Efesini 2:10 dice: "Perchè simu a so fattura, creati in Cristu Ghjesù per e bone opere, chì Diu hà preparatu in anticipu per noi di fà."

Tutte queste cose travaglianu inseme, per avvicinassi di più à Diu è rendeci più cum'è Cristu. Avemu diventatu più maturi noi stessi è cusì facenu ancu altri credenti. Ci aiutanu à cresce. Leghje dinò 2 Petru 1. A fine di esse più vicinu à Diu hè esse furmatu è maturu è amassi l'unu l'altru. Facendu queste cose simu i so discepuli è discepuli quandu sò maturi sò cum'è u so Maestru (Luke 6:40).

Cumu I Studi a Bibbia?

Ùn sò micca sicuramente sicuru di ciò chì cercate, allora cercu di aghjunghje à u sughjettu, ma se risponderete indietro è sarete più specificu, forse pudemu aiutà. E mo risposte seranu da una visione biblica (biblica) a menu chì ùn sia altrimenti dichjaratu.

Parolle in ogni lingua cum'è "vita" o "morte" ponu avè significati è usi diversi in lingua è in Scrittura. Capisce u significatu dipende da u cuntestu è da cume hè adupratu.

Per esempiu, cum'è aghju riferitu prima, "morte" in e Scritture pò significà a separazione da Diu, cum'è mostratu in u racontu in Luke 16: 19-31 di l'omu ingiustu chì era separatu da l'omu ghjustu da un grande golfu, unu andendu à a vita eterna cun Diu, l'altru in un locu di turmentu. Ghjuvanni 10:28 spiega dicendu: "Li dò a vita eterna, è ùn perderanu mai". U corpu hè intarratu è si decadisce. A vita pò ancu significà solu vita fisica.

In Ghjuvanni u capitulu trè avemu a visita di Ghjesù cun Nicodemu, discurrendu a vita per esse nata è a vita eterna cum'è per esse rinata. Cuntrasta a vita fisica cum'è "nata da l'acqua" o "nata da a carne" cù a vita spirituale / eterna cum'è "nata da u Spiritu". Quì in u versu 16 hè induve si parla di perisce in uppusizione à a vita eterna. Perisce hè cunnessu cù u ghjudiziu è a cundanna in uppusizione à a vita eterna. In i versi 16 è 18 vedemu u fattore decisivu chì determina queste cunsequenze hè se crede o micca in u Figliolu di Diu, Ghjesù. Fighjate u prisente. U credente a vita eterna. Leghjite puru Ghjuvanni 5: 39; 6:68 è 10:28.

Esempii muderni di l'usu di una parolla, in questu casu "vita", puderebbenu esse frasi cum'è "questa hè a vita", o "uttene una vita" o a "bona vita", solu per illustrà cumu e parolle ponu esse usate . Capimu u so significatu per u so usu. Quessi sò solu alcuni esempi di l'usu di a parola "vita".

Ghjesù hà fattu questu quandu hà dettu in Ghjuvanni 10: 10, "Sò venutu per ch'elli possinu avè a vita è per avè la più abbundante". Chì vulia dì? Significa di più cà esse salvatu da u peccatu è perisce in l'infernu. Stu versu si riferisce à cumu "quì è ora" a vita eterna deve esse - abbundante, stupefacente! Chì significa una "vita perfetta", cù tuttu ciò chì vulemu? Evidutamente micca! Cosa significa? Per capisce questu è altre dumande intriganti chì avemu tutti nantu à "vita" o "morte" o qualsiasi altra dumanda duvemu esse disposti à studià tutte e Scritture, è chì richiede sforzu. Vogliu dì veramente travagliendu da a nostra parte.

Eccu ciò chì u salmista (Salmu 1: 2) hà raccomandatu è ciò chì Diu hà urdinatu à Giosuè di fà (Giosuè 1: 8). Diu vole chì meditemu nantu à a Parolla di Diu. Ciò significa studiallu è pensallu.

Ghjuvanni u capitulu trè ci insegna chì simu "nati torna" di u "spiritu". A Scrittura ci insegna chì u Spìritu di Diu vene à campà in noi (Ghjuvanni 14: 16 & 17; Rumani 8: 9). Hè interessante chì in I Petru 2: 2 dice, "cum'è e zitelli sincere desideranu u latte sinceru di a parolla chì puderete cresce cusì". Cum'è zitelli cristiani ùn sapemu micca tuttu è Diu ci dice chì l'unicu modu per cresce hè di cunnosce a Parolla di Diu.

2 Timuteu 2:15 dice: "Studia per mostràvi appruvatu à Diu ... dividendu ghjustamente a parolla di verità".

Ti avvertissi chì questu ùn significa micca uttene risposte nantu à a parolla di Diu ascultendu l'altri o leghjendu libri "nantu à" a Bibbia. Parechji di questi sò l'opinioni di e persone è mentre ponu esse boni, chì succede se e so opinioni sò sbagliate? Atti 17:11 ci dà una guida assai impurtante, data da Diu: Paragunate tutte l'opinioni cù u libru chì hè tutalmente veru, a Bibbia stessa. IN Atti 17: 10-12 Luke complementa i Bereani perchè anu testatu u messagiu di Paul dicendu chì "anu cercatu in e Scritture per vede se ste cose eranu cusì". Questu hè esattamente ciò chì duvemu sempre fà è più cercemu più sapemu ciò chì hè veru è più sapemu e risposte à e nostre dumande è cunnosce Diu stessu. I Bereani anu testatu ancu l'Apostolu Paulu.

Eccu un coppiu di versi interessanti riguardanti a vita è cunnuscendu a Parolla di Diu. Ghjuvanni 17: 3 dice: "Questa hè a vita eterna per ch'elli ti possinu cunnosce, l'unicu veru Diu, è Ghjesù Cristu, Chì Tù hai mandatu". Chì hè l'impurtanza di cunnosce lu. A Scrittura insegna chì Diu vole chì simu cum'è ellu, cusì noi bisognu per sapè cum'ellu hè. 2 Corinzi 3:18 dice: "Ma noi tutti cù u visu svelatu chì guardemu cum'è in un specchiu a gloria di u Signore stemu trasfurmendu in a stessa maghjina da gloria in gloria, cum'è da u Signore, u Spìritu."

Eccu un studiu in sè stessu postu chì parechje idee sò menzionate in altre Scritture ancu, cum'è "specchiu" è "gloria à gloria" è l'idea di esse "trasfurmatu in a so maghjina".

Ci hè strumenti chì pudemu aduprà (parechji di i quali sò facilmente è liberamente dispunibili in ligna) per circà parolle è fatti biblichi in a Bibbia. Ci hè ancu cose chì a Parolla di Diu insegna chì ci vole à fà per diventà cristiani maturi è esse più simile à ellu. Eccu un elencu di e cose da fà è da seguità chì sò alcune in linea aiuti chì aiutanu à truvà risposte à e dumande chì pudete avè.

Passi versu a crescita:

  1. Fraternità cù i credenti in chjesa o un gruppu chjucu (Atti 2: 42; Ebrei 10: 24 è 25).
  2. Pregate: leggete Matteu 6: 5-15 per un mudellu di e insegnamentu nantu à a preghiera.
  3. Studiate e Scritture cum'è aviu spartutu quì.
  4. Obbedisci à e Scritture. "Siate voi chì compie a Parolla è micca solu ascoltatori", (Ghjacumu 1: 22-25).
  5. Cunfessà u peccatu: Leghje 1 Ghjuvanni 1: 9 (cunfessà significa ricunnosce o ammette). Mi piace à dì, "ogni volta chì hè necessariu".

Mi piace à fà studii di parolle. Una Concordanza Biblica di Parolle Bibliche aiuta, ma pudete truvà a maiò parte, sì micca tuttu, di ciò chì avete bisognu in Internet. L'internet hà Concordanze Bibliche, Biblie interlineari greche è ebraiche (a Bibbia in e lingue uriginali cù una traduzzione parolla per parolla sottu), Dizionarii biblici (cume u Dizionariu Espositariu di Vine di Parolle Greche di u Novu Testamentu) è studii di parolle grechi è ebrei. Dui di i migliori siti sò www.biblegateway.com e www.biblehub.com. Speru chì questu aiutu. Mancu d'amparà u grecu è l'ebreu, questi sò i migliori modi per scopre ciò chì a Bibbia dice veramente.

Cumu vene un veru Cristianu?

A prima dumanda à risponde in quantu à a vostra dumanda hè ciò chì hè un veru cristianu, perchè parechje persone si ponu chjamà cristiani chì ùn anu micca idea di ciò chì a Bibbia dice chì un cristianu hè. L'opinioni sò diffirenti nantu à cumu si diventa cristianu secondu e chjese, e denominazioni o ancu u mondu. Site un Cristianu cum'ellu hè definitu da Diu o un "chjamatu" Cristianu. Avemu una sola autorità, Diu, è ci parla per mezu di e Scritture, perchè hè a verità. Ghjuvanni 17:17 dice: "A to Parolla hè verità!" Chì hà dettu Ghjesù chì duvemu fà per diventà cristianu (per esse parte di a famiglia di Diu - per esse salvatu).

Prima, diventà un veru cristianu ùn si tratta micca di aderisce à una chjesa o un gruppu religiosu o tene alcune regule o sacramenti o altri requisiti. Ùn si tratta micca d'induve site natu cum'è in una nazione "cristiana" o in una famiglia cristiana, nè fendu qualchì rituale cum'è esse battezzatu sia da zitellu sia da adultu. Ùn si tratta micca di fà boni travagli per guadagnallu. Efesini 2: 8 & 9 dice: "Perchè per grazia site salvatu per mezu di a fede, è micca per voi stessu, hè u donu di Diu, micca per via di l'opere ..." Titu 3: 5 dice: "micca per opere di ghjustizia chì l'avemu fattu, ma sicondu a so misericordia, ci hà salvatu, lavendu a rigenerazione è rinuvendu u Spìritu Santu ". Ghjesù hà dettu in Ghjuvanni 6:29, "Questa hè l'opera di Diu, chì crede in quellu chì hà mandatu".

Fighjemu ciò chì a Parolla dice di diventà cristianu. A Bibbia dice chì "elli" sò stati chjamati prima cristiani in Antiochia. Quale eranu "elli". Leghje Atti 17:26. "Eranu" eranu i discìpuli (i dodici) ma ancu tutti quelli chì cridianu è seguitanu à Ghjesù è ciò ch'ellu insignava. Eranu ancu chjamati credenti, figlioli di Diu, a chjesa è altri nomi descrittivi. Sicondu a Scrittura, a Chjesa hè u so "corpu", micca una urganizazione o un edifiziu, ma e persone chì credenu in u so nome.

Allora vedemu ciò chì Ghjesù hà insignatu di diventà cristianu; ciò chì ci vole per entre in u so Regnu è a so famiglia. Leghjite Ghjuvanni 3: 1-20 è ancu i versi 33-36. Nicodemu hè ghjuntu à Ghjesù una notte. Hè apparente chì Ghjesù sapia i so penseri è ciò chì u so core avia bisognu. Li disse: "Duvete nasce di novu" per entre in u Regnu di Diu. Li disse una storia di l'Anticu Testamentu di u "serpente nantu à un palu"; chì sì i Figlioli d'Israele chì peccavanu andavanu à guardallu, serianu "guariti". Questa era una figura di Ghjesù, chì deve esse alzatu nantu à a croce per pagà per i nostri peccati, per u nostru perdonu. Tandu Ghjesù disse chì quelli chì cridianu in ellu (in a so punizione in u nostru postu per i nostri peccati) averianu a vita eterna. Leghjite dinò Ghjuvanni 3: 4-18. Questi credenti sò "nati di novu" da u Spìritu di Diu. Ghjuvanni 1: 12 è 13 dice: "Quelli chì l'anu ricevutu, li hà datu u dirittu di diventà figlioli di Diu, à quelli chì credenu in u so Nome", è aduprendu a stessa lingua chì Ghjuvanni 3, "chì ùn sò micca nati di sangue , nè di a carne, nè di a vulintà di l'omu, ma di Diu ". Quessi sò "elli" chì sò "cristiani", chì ricevenu ciò chì Ghjesù hà insignatu. Hè tuttu ciò chì credi chì Ghjesù hà fattu. I Corinzi 15: 3 & 4 dice, "u Vangelu chì ti aghju annunziatu ... chì Cristu hè mortu per i nostri peccati secondu e Scritture, ch'ellu hè statu sepoltu è ch'ellu hè statu risuscitatu u terzu ghjornu ..."

Questu hè u modu, l'unicu modu per diventà è esse chjamatu cristianu. In Ghjuvanni 14: 6 Ghjesù disse: "Sò a Via, a Verità è a Vita. Nisun omu vene à u Patre, ma per mè ". Leghjite ancu Atti 4:12 è Rumani 10:13. Duvete nasce di novu in a famiglia di Diu. Duvete crede. Parechji torcenu u significatu di nasce di novu. Creanu a so propria interpretazione è "riscrive" Scritture per furzà la à includesi, dicendu chì significa qualchì svegliu spirituale o esperienza di rinnovu di vita, ma a Scrittura dice chjaramente chì simu nati di novu è diventemu figlioli di Diu credendu in ciò chì Ghjesù hà fattu per noi. Duvemu capisce a manera di Diu sapendu è paragunendu e Scritture è rinuncendu à e nostre idee per a verità. Ùn pudemu micca sustituisce e nostre idee per a parolla di Diu, u pianu di Diu, a via di Diu. Ghjuvanni 3: 19 è 20 dice chì l'omi ùn venenu micca à a luce "perchè i so atti ùn sianu rimpruverati".

A seconda parte di sta discussione deve esse di vede e cose cum'è Diu face. Duvemu accettà ciò chì Diu dice in a so Parolla, e Scritture. Arricurdatevi, tutti noi avemu fattu piccati, fendu ciò chì ùn va micca à a vista di Diu. E Scritture sò chjare nantu à u vostru stile di vita, ma l'umanità sceglie o solu di dì: "ùn hè micca ciò chì significa", ignurallu, o dì: "Diu m'hà fattu cusì, hè normale". Duvete ricurdà chì u mondu di Diu hè statu curruttu è maladettu quandu u peccatu hè entrutu in u mondu. Ùn hè più cum'è Diu hà vulsutu. Ghjacumu 2:10 dice: "Per quellu chì tene tutta a lege è ancu inciampa in un puntu, hè statu culpevule di tuttu". Ùn importa micca u nostru peccatu.

Aghju intesu parechje definizione di u peccatu. U peccatu và al di là di ciò chì si pò detestà o displeghje à Diu; hè ciò chì ùn hè micca bè per noi o per altri. U peccatu face chì u nostru pensamentu sia cunversatu. Ciò chì u peccatu hè vistu cum'è bonu è a ghjustizia diventa pervertita (vede Habakkuk 1: 4). Videmu u bonu cum'è u male è u male cum'è bonu. E persone cattivi si diventanu vittime è e persone boni diventanu maligni: odiate, imprudente, incuscente o intolerante.
Eccu un elencu di versi di a Scrittura nantu à u sughjettu chì dumandate. Ci dicenu ciò chì Diu pensa. Se sceglite di spiegalli via è cuntinuvate à fà ciò chì ùn piace à Diu, ùn vi pudemu micca dì chì hè OK. Site sottumessu à Diu; Ellu solu pò ghjudicà. Nisun argumentu nostru vi cunvince. Diu ci dà a vulintà libera di sceglie di seguitallu o micca, ma paghemu e cunsequenze. Credemu chì a Scrittura hè esplicita nantu à u sughjettu. Leghjite questi versi: Rumani 1: 18-32, in particulare i versi 26 è 27. Leghjite ancu u Leviticu 18:22 è 20:13; I Corinzi 6: 9 & 10; I Timuteu 1: 8-10; Genesi 19: 4-8 (è Ghjudici 19: 22-26 induve l'omi di Gibeah anu dettu listessa cosa chì l'omi di Sodoma); Ghjude 6 & 7 è Revelazione 21: 8 è 22:15.

A bona nutizia hè chì quandu avemu accettatu Cristu Ghjesù cum'è u nostru Salvadore, eramu stati perdonati per tuttu u nostru peccatu. Micca 7:19 dice: "Ghjettarete tutti i so peccati in u fondu di u mare". Ùn vulemu micca cundannà à nimu, ma indicallu versu Quellu chì ama è perdona, perchè tutti peccemu. Leghje Ghjuvanni 8: 1-11. Ghjesù dice: "Quellu chì hè senza peccatu lascia ch'ellu lampi a prima petra". I Corinzi 6:11 dice: "Tali eranu alcuni di voi, ma site statu lavatu, ma site statu santificatu, ma site statu ghjustificatu in u Nome di u Signore Ghjesù Cristu è in u Spìritu di u nostru Diu". Semu "accettati in l'amatu (Efesini 1: 6). Se simu veri cridenti duvemu vincere u peccatu camminendu in a luce è ricunnosce u nostru peccatu, ogni peccatu chì femu. Leghje I Ghjuvanni 1: 4-10. I Ghjuvanni 1: 9 hè statu scrittu à i credenti. Dice: "Se cunfessemu i nostri peccati, Ghjesù hè fidu è ghjustu per pardunacci i nostri peccati è per purificà ci da ogni iniquità"

Se ùn site micca un veru crederu, pudete esse (Revelazione 22: 17). Ghjesù voli chì voi ghjunghi à ellu è ellu ùn li caccià fora (Ghjuvanni 6: 37).
Cumu si vede in I Ghjuvanni 1: 9 sì simu figlioli di Diu vole ch'ellu cammini cun ellu è crescia in grazia è "sia santu cum'è ellu hè santu" (I Petru 1:16). Duvemu superà i nostri fiaschi.

Diu ùn abbanduneghja nè rinnega i so figlioli, à u cuntrariu di i babbi umani. Ghjuvanni 10:28 dice: "Li dò a vita eterna è ùn perderanu mai". Ghjuvanni 3:15 dice: "Quellu chì crede in ellu ùn perisce micca, ma averà a vita eterna". Sta prumessa hè ripetuta trè volte solu in Ghjuvanni 3. Vede ancu Ghjuvanni 6:39 è Ebrei 10:14. Ebrei 13: 5 dice: "Ùn ti lasceraghju mai nè ti lasceraghju." Ebrei 10:17 dice: "Ùn ricorderaghju più di i so peccati è di e so azzioni illegali". Vede ancu Rumani 5: 9 è Ghjuda 24. 2 Timuteu 1:12 dice: "Hè capace di tene ciò chì l'aghju datu per ellu contr'à quellu ghjornu". I Tessalonicani 5: 9-11 dice: "ùn simu micca numinati à l'ira, ma per riceve a salvezza ... affinchì ... pudemu campà cun ellu".

Se leghjite è studiate e Scritture amparerete chì a grazia, a misericordia è u perdonu di Diu ùn ci dà micca una licenza o libertà di cuntinuà à peccà o di campà in un modu chì ùn dispiace micca à Diu. Grace ùn hè micca cum'è un "esce da a carta senza prigione". Rumani 6: 1 è 2 dice: "Chì diceremu allora? Avemu da cuntinuà in u peccatu per chì a grazia possa cresce? Chì ùn sia mai! Cumu pudemu campà in noi quelli chì sò morti per u peccatu? " Diu hè un Babbu bonu è perfettu è cume tale se disubbidimu è ribellemu è femu ciò ch'ellu odia, ci correggerà è disciplinerà. Si prega di leghje Ebrei 12: 4-11. Dice ch'ellu castigherà è flagellerà i so figlioli (versu 6). Ebrei 12:10 dice: "Diu ci disciplina per u nostru bè chì pudemu participà à a so santità". In u versu 11 dice di disciplina: "Produce una racolta di santità è di pace à quelli chì sò stati furmati da ella".
Quandu David hà peccatu contr'à Diu, era perdunatu quandu ellu ricunnosce u so peccatu, ma hà patitu e cunsequenze di u so peccatu per u restu di a so vita. Quandu Saul peccò, hà persu u so regnu. Diu hà punitu l'Israele per catturà per u so piccatu. Certe volte Diu ci permette di pagà e cunsequenze di u nostru peccatu per disciplinarà. Vede ancu Galate 5: 1.

Postu chì rispondemu à a vostra dumanda, demu un parè basatu annantu à ciò chì credemu chì a Scrittura insegna. Questa ùn hè micca una disputa nantu à l'opinioni. Galati 6: 1 dice: "Fratelli è surelle, se qualchissia hè chjappu in un piccatu, voi chì campate da u Spìritu duvete ristabilisce quella persona cun gentilezza". Diu ùn odia micca u piccatore. Cum'è u Figliolu hà fattu cù a donna presa in adulteriu in Ghjuvanni 8: 1-11, vulemu chì veninu à ellu per u perdonu. Rumani 5: 8 dice: "Ma Diu dimostra u so amore per noi, chì mentre eramu peccatori, Cristu hè mortu per noi".

Cumu sente à Diu?

Una di e dumande più perplesse per i cristiani novi è ancu parechji chì sò cristiani per un bellu pezzu hè: "Cumu sentu da Diu?" Per dì un altru modu, cumu possu sapè se i penseri chì entranu in a mo mente sò da Diu, da u diavulu, da mè o solu qualcosa chì aghju intesu in qualchì locu chì mi ferma solu in mente? Ci sò parechji esempi di Diu chì parlanu à e persone in a Bibbia, ma ci sò ancu assai avvisi nantu à seguità falsi prufeti chì dicenu chì Diu li hà parlatu quandu Diu dice definitivamente ch'ellu ùn hà micca fattu. Allora cumu pudemu sapè?

U primu è u più impurtante prublema hè chì Diu hè l'ultimu Autore di e Scritture è Ellu ùn si cuntradisce mai. 2 Timuteu 3: 16 & 17 dice: "Tutte e Scritture sò respirate da Diu è utili per insegnà, rimpruverà, curregge è furmassi in ghjustizia, affinchì u servitore di Diu sia ben equipatu per ogni bonu travagliu". Cusì ogni pensamentu chì entre in a vostra mente deve prima esse esaminatu nantu à a basa di u so accordu cù a Scrittura. Un suldatu chì avia scrittu cumandamenti da u so cumandante è li disobbedì perchè pensava d'avè intesu qualcunu chì li dicia qualcosa di diversu seria in seriu guai. Dunque u primu passu per sente da Diu hè di studià e Scritture per vede ciò chì dicenu nantu à qualsiasi prublema. Hè maravigghiusu quanti temi sò trattati in a Bibbia, è leghje a Bibbia ogni ghjornu è studià ciò chì dice quandu vene un prublema hè u primu passu evidenti per sapè ciò chì Diu dice.

Probabilmente a seconda cosa da guardà hè: "Chì mi dice a mo coscienza?" Rumani 2: 14 è 15 dice: "(In effetti, quandu i pagani, chì ùn anu micca a lege, facenu per natura e cose richieste da a lege, sò una legge per se stessi, ancu se ùn anu micca a lege. Mostranu chì i requisiti di a lege sò scritti nantu à u so core, a so cuscenza testimunieghja ancu, è i so penseri à volte li accusanu è à l'altri tempi ancu i difendenu.) "Avà questu ùn significa micca chì a nostra cuscenza hè sempre ghjusta. Pàulu parla di una cuscenza debule in Rumani 14 è di una cuscenza scarsa in I Timuteu 4: 2. Ma dice in I Timoteu 1: 5, "U scopu di stu cumandamentu hè l'amore, chì vene da un core puru è una bona cuscenza è una fede sincera". Dice in Atti 23:16, "Allora mi sforzu sempre per tene a mo coscienza chjara davanti à Diu è l'omu". Hà scrittu à Timuteu in I Timuteu 1: 18 è 19 "Timoteu, u mo figliolu, vi daraghju questu cumandamentu in cunfurmità cù e profezie fatte una volta nantu à tè, affinchì, ricurdenduli, possi luttà bè in a battaglia, tenendoti a fede è un bona cuscenza, chì certi anu ricusatu è cusì anu suffertu naufragiu in quantu à a fede ". Se a vostra cuscenza vi dice chì qualcosa ùn va, allora hè probabilmente sbagliata, almenu per voi. I sentimenti di culpabilità, chì venenu da a nostra cuscenza, hè unu di i modi chì Diu ci parla è ignurendu a nostra cuscenza hè, in a stragrande maggioranza di i casi, di sceglie di ùn ascultà micca à Diu. (Per più infurmazione nantu à questu sughjettu leghjite tutti Rumani 14 è I Corinzi 8 è I Corinzi 10: 14-33.)

A terza cosa da cunsiderà hè: "Chì dumandu à Diu di dimmi?" Da adolescente eru spessu incuragitu à dumandà à Diu di mostrami a so vuluntà per a mo vita. Sò statu piuttostu surpresu dopu à scopre chì Diu ùn ci dice mai di pregà per ch'ellu ci mostri a so vuluntà. Ciò chì ci hè incuragitu à pregà hè a saviezza. Ghjacumu 1: 5 prumette: "Sì qualchissia di voi manca di saviezza, duvete dumandà à Diu, chì dà generosamente à tutti senza truvà culpa, è vi serà datu". Efesini 5: 15-17 dice: "Fate assai attenzione, dunque, cumu campate - micca cum'è sàviu ma cum'è sàviu, apprufittendu ogni opportunità, perchè i ghjorni sò cattivi. Dunque ùn siate scemi, ma capite ciò chì hè a vulintà di u Signore ". Diu prumette di dà ci saviezza se dumandemu, è se femu a cosa saggia, femu a vulintà di u Signore.

Pruverbii 1: 1-7 dice: «I pruverbii di Salomone, figliolu di David, rè d'Israele: per avè saviezza è istruzzioni; per capisce e parolle di insight; per avè ricevutu istruzzioni in un cumpurtamentu prudente, fà ciò chì hè ghjustu è ghjustu è ghjustu; per dà prudenza à quelli chì sò semplici, cunniscenza è discrezione per i giovani - lasciate i saggi ascoltà è aghjunghje à a so amparera, è lasciate i discernenti uttene una guida - per capisce proverbi è parabole, i detti è indici di i saggi. A paura di u Signore hè u principiu di a cunniscenza, ma i scemi disprezzanu a saviezza è l'istruzzioni ". U scopu di u Libru di i Pruverbii hè di dà ci saviezza. Hè unu di i migliori posti per andà quandu dumandate à Diu ciò chì a cosa saggia da fà hè in ogni situazione.

L'altra cosa chì m'hà aiutatu u più à amparà à sente ciò chì Diu mi dicia era amparà a differenza trà culpabilità è cundanna. Quandu peccemu, Diu, di solitu parlendu per mezu di a nostra cuscenza, ci face sente culpevuli. Quandu confessemu u nostru peccatu à Diu, Diu elimina i sentimenti di culpabilità, ci aiuta à cambià è ristabilisce a fraternità. I Ghjuvanni 1: 5-10 dice: "Questu hè u missaghju chì avemu intesu da ellu è dichjaremu à voi: Diu hè luce; in ellu ùn ci hè mancu un bughju. Se dicemu avè fraterna cun ellu è ancu camminamu in u bughju, mentimu è ùn campemu micca a verità. Ma se camminemu in a luce, cum'è Ghjesù hè in a luce, avemu fraterna cun l'altri, è u sangue di Ghjesù, u so Figliolu, ci purifica da ogni peccatu. Se dichjaremu esse senza peccatu, ci ingannemu è a verità ùn hè micca in noi. Se confessemu i nostri peccati, ellu hè fidu è ghjustu è ci pardunerà i nostri peccati è ci purificherà da ogni iniquità. Se dichjaremu chì ùn avemu micca fattu piccatu, u femu per esse bugiardu è a so parolla ùn hè micca in noi ". Per sente da Diu, duvemu esse onesti cun Diu è cunfessà u nostru peccatu quandu accade. Se avemu peccatu è ùn avemu micca cunfessu u nostru peccatu, ùn simu micca in fraternità cun Diu, è sentelu serà difficiule, sì micca impossibile. Per rifurmà: a culpabilità hè specifica è quandu a cunfessemu à Diu, Diu ci perdona è a nostra cumunione cun Diu hè ristabilita.

A cundanna hè un'altra cosa interamente. Paulu dumanda è risponde à una dumanda in Rumani 8:34, "Quale hè dunque quellu chì cundanna? Nimu. Cristu Ghjesù chì hè mortu - ancu di più, chì hè statu risuscitatu in vita - hè à a diritta di Diu è intercede ancu per noi ". Ellu hà iniziatu u capitulu 8, dopu avè parlatu di u so disgraziatu fiascu quandu hà pruvatu à fà piacè à Diu tenendu a lege, dicendu: "Dunque, ùn ci hè avà nisuna cundanna per quelli chì sò in Cristu Ghjesù". A culpabilità hè specifica, a cundanna hè vaga è generale. Dice cose cum'è: "Sempre sbarrazzate", o, "Ùn avarete mai nunda", o, "Sì cusì sbagliatu Diu ùn puderà mai usà". Quandu confessemu u peccatu chì ci face sente culpevuli à Diu, a culpabilità sparisce è sintimu a gioia di u perdonu. Quandu "confessemu" i nostri sentimenti di cundanna à Diu sò solu più forti. "Cunfessà" i nostri sentimenti di cundanna à Diu hè in realtà solu d'accordu cù ciò chì u diavulu ci dice di noi. A culpabilità deve esse cunfessata. A cundanna deve esse rifiutata se discernemu ciò chì Diu ci dice veramente.

Benintesa, a prima cosa chì Diu ci dice hè ciò chì Ghjesù hà dettu à Nicodemu: "Duvete esse rinatu" (Ghjuvanni 3: 7). Finu à avè ricunnisciutu chì avemu fattu piccatu contr'à Diu, avemu dettu à Diu chì cridiamu chì Ghjesù hà pagatu i nostri peccati quandu hè mortu nantu à a croce, hè statu sepoltu è poi risuscitatu, è avemu dumandatu à Diu di vene in a nostra vita cum'è Salvatore, Diu hè sottu à nisun obbligu di parlà cun noi di qualcosa altru ch'è u nostru bisognu di esse salvatu, è assai prubabilmente Ùn serà micca. Se avemu ricevutu à Ghjesù cum'è u nostru Salvatore, allora avemu bisognu di esaminà tuttu ciò chì pensemu chì Diu ci dice cù e Scritture, ascultà a nostra cuscenza, dumandà a saviezza in tutte e situazioni è cunfessà u peccatu è rifiutà a cundanna. Sapendu ciò chì Diu ci dice pò ancu esse difficiule à le volte, ma fà ste quattru cose certamente aiuterà à fà sente a so voce più faciule.

Se sò Salvatu, Perchè Continu à Ghjunghje?

Scritture hà una risposta à sta dumanda, perciò chì siamu chjaru, da l'esperienza, se siamu onesti, è ancu di l'Scrittura, hè un fattu chì a salvezza ùn ci impedisce automaticamente di peccà.

Qualchissia chì cunnoscu hà purtatu un individuu versu u Signore è hà ricevutu da ella una telefonata assai interessante parechje settimane dopu. A persona appena salvata hà dettu: «Ùn possu micca esse cristianu. Peccatu più avà chè mai. " A persona chì l'ha purtata à u Signore hà dumandatu: "Fate cose peccaminose avà chì ùn avete mai fattu prima o fate cose chì avete fattu tutta a vostra vita solu avà quandu li fate vi sentite orribilmente culpevule per elli?" A donna rispose: "Hè a seconda". È a persona chì l'ha purtata à u Signore li hà dettu cun fiducia: «Sì cristiana. Esse cundannatu per u peccatu hè unu di i primi segni chì site veramente salvatu ".

L'epistole di u Novu Testamentu ci danu elenchi di peccati da smette di fà; peccati da evità, peccati chì femu. Elencanu ancu e cose chì duvemu fà è ùn pudemu fà, cose chì chjamemu peccati d'omissione. Ghjacumu 4:17 dice "à quellu chì sà fà u bè è ùn la face micca, per ellu hè u peccatu". Rumani 3:23 a dice cusì, "Perchè tutti anu fattu piccatu è mancanu a gloria di Diu". Per esempiu, Ghjacumu 2: 15 & 16 parla di un fratellu (un cristianu) chì vede u so fratellu in bisognu è ùn face nunda per aiutà. Questu hè piccatu.

In I Corinzi Paulu mostra quantu i cattivi cristiani ponu esse. In I Corinzi 1: 10 è 11 dice chì ci sò state lite trà elli è divisioni. In u capitulu 3 li indirizza cum'è carnale (carnale) è cum'è zitelli. Spessu dicemu à i zitelli è qualchì volta l'adulti di smette di agisce cum'è zitelli. Avete u ritrattu. I zitelli si caccighjeghjanu, schiaffeghjanu, pugnanu, pizzicanu, si tiranu i capelli è ancu mordenu. Sembra còmicu ma cusì veru.

In Galati 5:15 Paul dice à i cristiani di ùn mordicassi è manghjassi unu l'altru. In I Corinzi 4:18 dice chì alcuni d'elli sò diventati arroganti. In u capitulu 5, versu 1 diventa ancu peghju. "Hè dichjaratu chì ci hè l'immoralità in mezu à voi è di un tipu chì ùn esiste mancu trà i pagani". I so piccati eranu evidenti. Ghjacumu 3: 2 dice chì tutti inciampemu in parechje manere.

Galati 5: 19 & 20 elenca l'atti di a natura peccaminosa: immoralità, impurità, disbordanza, idolatria, stregoneria, odiu, discordia, gelosia, attacchi di rabbia, ambizione egoista, dissensioni, fazioni, invidia, ubriachezza è orgie in uppusizione à ciò chì Diu aspetta: amore, gioia, pace, pazienza, gentilezza, bontà, fedeltà, dolcezza è autocontrollo.

Efesini 4:19 ammenta l'immoralità, u versu 26 in còllera, u versu 28 in furta, u versu 29 lingua sana, u versu 31 amarezza, rabbia, calunnia è malizia. Efesini 5: 4 ammenta discorsi brutti è scherzi grossi. Sti stessi passaghji ci mostranu ancu ciò chì Diu aspetta di noi. Ghjesù ci hà dettu di esse perfetti cum'è u nostru Babbu celeste hè perfettu, "affinchì u mondu possa vede e vostre bone opere è glurificà u vostru Babbu chì hè in celu". Diu vole chì simu cum'è ellu (Matteu 5: 48), ma hè evidente chì ùn simu micca.

Ci hè parechji aspetti di l'esperienza cristiana chì avemu bisognu di capisce. U mumentu chì diventemu un credente in Cristu Diu ci dà certe cose. Ci pardona. Ci ghjustifica, ancu sè simu culpevuli. Ci dà a vita eterna. Ci mette in u "corpu di Cristu". Ci face perfetti in Cristu. A parolla aduprata per questu hè santificazione, messa à parte cum'è perfetta davanti à Diu. Simu nati di novu in a famiglia di Diu, diventendu i so figlioli. Vene à campà in noi per mezu di u Spìritu Santu. Allora perchè avemu sempre piccatu? Rumani capitulu 7 è Galati 5:17 spieganu questu dicendu chì, finu à chì simu vivi in ​​u nostru corpu murtale, avemu sempre a nostra vechja natura chì hè peccatrice, ancu se u Spiritu di Diu stà avà in noi. Galati 5:17 dice "Perchè a natura piccante vole ciò chì hè cuntrariu à u Spìritu, è u Spiritu ciò chì hè cuntrariu à a natura piccante. Sò in cunflittu trà di elli, per ùn fà micca ciò chì vulete ". Ùn femu micca ciò chì Diu vole.

In i cumenti di Martin Luther è Charles Hodge suggerenu chì più vicinu ci avvicinemu à Diu per le Scritture è entre in a so luce perfetta, più vemu quantu imperfette simu è quanti ne mancemu a gloria. Rumani 3:23

Pàulu pare avè campatu stu cunflittu in Rumani capitulu 7. Tramindui cummentarii dicenu ancu chì ogni cristianu pò identificassi cù l'esasperazione è a situazione di Paulu: chì, invece chì Diu vole chì simu perfetti in u nostru cumpurtamentu, per esse conformi à l'imaghjini di u so Figliolu, ancu ci truvemu cum'è schiavi di a nostra natura piccatrice.

I Ghjuvanni 1: 8 dice chì "se dicemu chì ùn avemu micca peccatu ci ingannemu è a verità ùn hè micca in noi". I Ghjuvanni 1:10 dice "Se dicemu chì ùn avemu micca piccatu, u femu per esse un bugiardu è a so parolla ùn hà micca postu in a nostra vita".

Leghje Rumani capitulu 7. In Rumani 7:14 Paulu si descrive cum'è "vendutu in schiavitù per u peccatu". In u versu 15 dice chì ùn capiscu micca ciò chì facciu; perchè ùn praticu micca ciò chì mi piacerebbe fà, ma facciu a cosa stessa ch'o odiu ". In u versu 17 dice chì u prublema hè u peccatu chì stà in ellu. Paul hè cusì frustratu chì afferma queste cose duie volte in più cù parolle leggermente diverse. In u versu 18 dice "Perchè sò chì in mè (vale à dì in carne di maghju - a parolla di Paulu per a so vechja natura) ùn stà nunda di bè, perchè a vuluntà hè presente cun mè, ma cumu fà per fà ciò chì hè bonu ùn trovu micca." U versu 19 dice "Per u bè chì vogliu, ùn la facciu micca, ma u male ùn vogliu micca fà, chì praticu". U NIV traduce u versu 19 cum'è "Perchè aghju u desideriu di fà u bè, ma ùn possu micca realizallu".

In Rumani 7: 21-23 descrive dinò u so cunflittu cum'è una legge à u travagliu in i so membri (riferendusi à a so natura carnale), in guerra contr'à a legge di a so mente (riferendusi à a natura Spirituale in u so essere interiore). Cù u so esseru interiore si rallegra di a lege di Diu ma "u male hè quì cun mè", è a natura peccaminosa "face una guerra contr'à a lege di a so mente è u face prigiuneru di a lege di u peccatu". Tutti, cum'è credenti, sperimentemu stu cunflittu è a frustrazione estrema di Paul mentre chianci in u versu 24 "Chì un disgraziatu sò. Quale hè chì mi libererà da stu corpu di morte? " Ciò chì Paul descrive hè u cunflittu chì tutti affrontemu: u cunflittu trà l'antica natura (a carne) è u Spìritu Santu chì ci abita, chì avemu vistu in Galati 5:17 Ma Paulu dice ancu in Rumani 6: 1 "duvemu cuntinuà in peccatu chì a grazia possa abbundà. Diu ne guardi. »Pàulu dice ancu chì Diu vole chì no fussimu salvati micca solu da a pena di u peccatu, ma ancu da u so putere è u so cuntrollu in sta vita. Cum'è Paul dice in Rumani 5:17 "Perchè se, per l'ingressu di un omu, a morte regnava per quellu omu, quantu più quelli chì ricevenu l'abbundanza pruvista di Diu di grazia è di u donu di ghjustizia regneranu in a vita per mezu di u un omu, Ghjesù Cristu ". In I Ghjuvanni 2: 1, Ghjuvanni dice à i credenti chì li scrive per ch'elli NON PECCINinu. In Efesini 4:14 Paulu dice chì simu da cresce per ùn esse più zitelli (cum'è eranu i Corinzi).

Allora quandu Pàulu gridò in Rumani 7:24 "quale mi aiuterà?" (è noi cun ellu), hà una risposta ghjubilante in u versu 25, "RINGRAZIU DIEU - PER GESU CRISTU U NOSTRO SIGNORE". Sà chì a risposta hè in Cristu. A vittoria (santificazione) è a salvezza venenu per mezu di a pruvista di Cristu chì stà in noi. Aghju paura chì parechji credenti accettanu solu di campà in u peccatu dicendu "Sò ghjustu umanu", ma Rumani 6 ci dà a nostra pruvista. Avemu avà una scelta è ùn avemu micca scusa per cuntinuà in u peccatu.

Se sò salvatu, perchè continuu à peccà? (Parte 2) (Parte di Diu)

Avà chì capimu chì femu sempre piccatu dopu avè diventatu figliolu di Diu, cum'è a prova a nostra sperienza è a Scrittura; chì duvemu fà? Prima lasciami dì chì questu prucessu, perchè hè ciò chì hè, si applica solu à u credente, quelli chì anu messu a so speranza di vita eterna, micca in e so bone azzioni, ma in l'opera finita di Cristu (a so morte, sepultura è risurrezzione per noi per u pirdunu di i peccati); quelli chì sò stati ghjustificati da Diu. Vede I Corinzi 15: 3 & 4 è Efesini 1: 7. U mutivu chì si applica solu à i credenti hè perchè ùn pudemu micca fà nunda da noi stessi per rendeci perfetti o santi. Hè qualcosa chì solu Diu pò fà, per mezu di u Spìritu Santu, è cumu videremu, solu i credenti anu u Spìritu Santu chì abita in elli. Leghje Titu 3: 5 & 6; Efesini 2: 8 è 9; Rumani 4: 3 & 22 è Galati 3: 6

A Scrittura ci insegna chì à u mumentu chì credemu, ci sò duie cose chì Diu face per noi. (Ci sò assai, assai altri.) Quessi sò, tuttavia, vitali per noi di avè "vittoria" nantu à u peccatu in a nostra vita. Prima: Diu ci mette in Cristu (qualcosa chì hè difficiule à capì, ma duvemu accettà è crede), è secondu vene à campà in noi per mezu di u so Spìritu Santu.

A Scrittura dice in I Corinzi 1:20 chì simu in ellu. "Per via di u so fattu site in Cristu chì hè diventatu per noi saviezza da Diu è ghjustizia è santificazione è redenzione". Rumani 6: 3 dice chì simu battezi "in Cristu". Què ùn si parla micca di u nostru battesimu in acqua, ma di un travagliu di u Spìritu Santu in u quale ci mette in Cristu.

A Scrittura ci insegna ancu chì u Spìritu Santu vene à campà in noi. In Ghjuvanni 14: 16 è 17 Ghjesù disse à i so discìpuli chì Mandaria u Cunsulatore (u Spìritu Santu) Chì era cun elli è chì sarebbe in elli, (Camperebbe o abiterà in elli). Ci sò altre Scritture chì ci dicenu chì u Spìritu di Diu hè in noi, in ogni credente. Leghje Ghjuvanni 14 è 15, Atti 1: 1-8 è I Corinzi 12:13. Ghjuvanni 17:23 dice ch'ellu hè in i nostri cori. In fattu Rumani 8: 9 dice chì sì u Spìritu di Diu ùn hè micca in voi, ùn site micca di Cristu. Cusì dicemu chì postu chì questu (vale à dì chì ci rende santi) hè un'opera di u Spìritu abitante, solu i credenti, quelli chì anu u Spiritu abitante, ponu diventà liberi o vittoriosi di u so peccatu.

Qualchissia hà dettu chì e Scritture cuntenenu: 1) verità chì duvemu crede (ancu se ùn li capimu micca cumpletamente; 2) cumanda à ubbidì è 3) prumette di fidà si. I fatti di sopra sò verità chì ci vole à crede, vale à dì chì simu in ellu è ch'ellu hè in noi. Tenite à mente sta idea di fidà è di ubbidì mentre continuemu stu studiu. Pensu chì aiuta per capisce. Ci hè duie parti chì avemu bisognu di capisce per superà u peccatu in a nostra vita d'ogni ghjornu. Ci hè a parte di Diu è a nostra parte, chì hè l'ubbidienza. Guarderemu prima a parte di Diu chì si tratta di u nostru esse in Cristu è di Cristu in noi. Chjamemu se vulete: 1) Pruvvista di Diu, sò in Cristu, è 2) A putenza di Diu, Cristu hè in mè.

Eccu ciò chì Paul parlava quandu hà dettu in Rumani 7: 24-25 "Quale mi liberarà ... Ringraziu Diu ... per mezu di Ghjesù Cristu u nostru Signore". Tenite à mente questu prucessu hè impussibile senza l'aiutu di Diu.

 

Hè evidenti da a Scrittura chì u desideriu di Diu per noi hè di esse santificatu è per noi di superà i nostri peccati. Rumani 8:29 ci dice chì cum'è credenti hà "predestinatu à esse conformi à a somiglianza di u so Figliolu". Rumani 6: 4 dice chì u so desideriu hè per noi di "camminà in a novità di a vita". Colossians 1: 8 dice chì u scopu di l'insignamentu di Paul era "di presentà ognunu perfettu è cumpletu in Cristu". Diu ci insegna chì vole chì diventemu maturi (per ùn stà zitelli cum'è i Corinzi eranu). Efesini 4:13 dice chì duvemu "diventà maturi in cunniscenza è ghjunghje à a piena misura di a pienezza di Cristu". U versu 15 dice chì simu da cresce in ellu. Efesini 4:24 dice chì duvemu "mette nantu à u novu eu; creatu per esse cum'è Diu in vera ghjustizia è santità ". bI Tessalonicani 4: 3 dice" Questa hè a vulintà di Diu, ancu a vostra santificazione ". I versi 7 è 8 dicenu chì "ùn ci hà micca chjamatu à impurità, ma in santificazione". U versu 8 dice "se rifiutemu questu, rifiutemu à Diu chì ci dà u so Spìritu Santu".

(Cunnessu u pensamentu chì u Spiritu sia in noi è chì pudemu cambià.) Definisce a parolla santificazione pò esse un pocu cumplicata ma in l'Anticu Testamentu significava mette à parte o presentà un ogettu o una persona à Diu per u so usu, cù un sacrifiziu uffertu per purificallu. Dunque per i nostri scopi quì dicemu chì esse santificatu hè da esse messu da parte per Diu o da esse presentatu à Diu. Simu stati resi santi per ellu da u sacrifiziu di a morte di Cristu nantu à a croce. Questa hè, cum'è dicemu, a santificazione di pusizione quandu credemu è Diu ci vede perfetti in Cristu (vistutu è cupertu da ellu è cunsideratu è dichjaratu ghjustu in ellu). Hè prugressivu mentre diventemu perfetti cum'ellu hè perfettu, quandu diventemu vittoriosi per vince u peccatu in a nostra esperienza d'ogni ghjornu. Ogni versu nantu à a santificazione descrive o spiega questu prucessu. Vulemu esse presentati è messi da parte per Diu cum'è purificati, puliti, santi è senza difetti, ecc. Ebrei 10:14 dice "per un sacrificiu hà resu perfetti per sempre quelli chì sò stati santi".

Più versi annantu à questu sughjettu sò: I Ghjuvanni 2: 1 dice "Vi scrivu ste cose per ùn fà micca piccatu". I Petru 2:24 dice: "Cristu hà purtatu i nostri peccati in u so stessu corpu nantu à l'arburu ... chì duvemu campà per ghjustizia". Ebrei 9:14 ci dice "U sangue di Cristu ci purifica da opere morte per serve u Diu vivente".

Quì ùn avemu micca solu u desideriu di Diu per a nostra santità, ma a so pruvista per a nostra vittoria: esse in ellu è participà à a so morte, cum'è discrittu in Rumani 6: 1-12. 2 Corinzi 5:21 dice: "L'hà fattu per esse peccatu per noi chì ùn sapiamu nisun peccatu, affinchì pudessimu esse fatti a ghjustizia di Diu in ellu". Leghjite puru Filippini 3: 9, Rumani 12: 1 & 2 è Rumani 5:17.

Leghje Rumani 6: 1-12. Quì truvemu una spiegazione di l'opera di Diu per noi per a nostra vittoria annantu à u peccatu, vale à dì a so pruvista. Rumani 6: 1 cuntinua u pensamentu di u capu cinque chì Diu ùn vole micca chì continuemu à peccà. Dice: Chì diceremu allora? Cuntinuemu in u peccatu, per chì a grazia abbondessi? " U versu 2 dice: «Diu ne guardi. Cumu pudemu campà in noi, chì simu morti per u peccatu? " Rumani 5:17 parla di "quelli chì ricevenu abbundanza di grazia è di u donu di a ghjustizia regneranu in a vita per mezu di quellu, Ghjesù Cristu". Ellu vole a vittoria per noi avà, in sta vita.

Vogliu mette in evidenza a spiegazione in Rumani 6 di ciò chì avemu in Cristu. Avemu parlatu di u nostru battesimu in Cristu. (Arricurdatevi chì questu ùn hè micca u battesimu in acqua ma u travagliu di u Spìritu.) U versu 3 ci insegna chì questu significa chì "simu stati battezzati in a so morte", vale à dì "simu morti cun ellu". I versi 3-5 dicenu chì simu "sipolti cun ellu". U versu 5 spiega chì postu chì simu in ellu simu uniti cun ellu in a so morte, in sepultura è in risurrezzione. U versu 6 dice chì simu crucifissi cun ellu per chì "u corpu di u peccatu possa esse cacciatu, per ùn esse più schiavi di u peccatu". Questu ci mostra chì a putenza di u peccatu hè stata rotta. Sia a nota NIV sia a NASB dicenu chì puderia esse traduttu "u corpu di u peccatu pò esse resu impotente". Una altra traduzzione hè chì "u peccatu ùn averà micca duminazione nantu à noi".

U versu 7 dice "quellu chì hè mortu hè liberatu da u peccatu. Per questa ragione u peccatu ùn ci pò più tene cum'è schiavi. U versu 11 dice "simu morti per u peccatu". U versu 14 dice "u peccatu ùn serà micca maestru di voi". Eccu ciò chì hè statu crucifissu cù Cristu hà fattu per noi. Perchè simu morti cun Cristu simu morti per u peccatu cun Cristu. Siate chjari, quessi eranu i nostri peccati per cui era mortu. Quessi eranu i nostri peccati CHI INTERRA. Dunque u peccatu ùn deve più dominarci. Dittu simplici, postu chì simu in Cristu, simu morti cun ellu, cusì u peccatu ùn deve più avè u putere nantu à noi.

U versu 11 hè a nostra parte: u nostru attu di fede. I versi precedenti sò fatti chì duvemu crede, ancu se difficiule da capisce. Sò verità chì duvemu crede è agisce. U versu 11 usa a parolla "reckon" chì significa "contà cun ellu". Da quì in avanti duvemu agisce in fede. Esse "risuscitatu" cun ellu in questu passaghju di a Scrittura significa chì simu "vivi per Diu" è pudemu "camminà in a novità di a vita". (Versi 4, 8 è 16) Perchè Diu hà messu u so Spìritu in noi, pudemu avà campà una vita vittoriosa. Colossians 2:14 dice "simu morti per u mondu è u mondu hè mortu per noi". Un altru modu per dì questu hè di dì chì Ghjesù ùn hè micca mortu solu per liberacci da a pena di u peccatu, ma ancu per rompe u so cuntrollu nantu à noi, cusì puderia rende noi puri è santi in a nostra vita presente.

In Atti 26:18 Luca cita à Ghjesù chì dice à Paulu chì u Vangelu li "trasformerà da a bughjura à a luce è da u putere di Satanassu à Diu, affinch'elli possinu riceve u perdonu di i peccati è una lascita trà quelli chì sò santificati (resi santi) ) per a fede in Me (Ghjesù) ".

Avemu digià vistu in a prima parte di stu studiu chì, se Paulu hà capitu, o piuttostu saputu, sti fatti, a vittoria ùn era micca automaticu è ùn ci hè nè per noi. Impussibule di fà a vittoria sia per via di sè stessu o di pruvà di mantene a lege è ùn ne pudemu. A vittoria sopra u peccatu hè impussibile per noi senza Cristu.

Eccu perchè. Leghje Efesini 2: 8-10. Ci dice chì ùn pudemu micca esse salvati da opere di ghjustizia. Questu hè chì, cum'è dice Rumani 6, simu "venduti sottu u peccatu". Ùn pudemu micca pagà per u nostru peccatu o guadagnà u perdonu. Isaia 64: 6 ci dice "tutte e nostre ghjustizie sò cum'è stracci sputichi" in vista di Diu. Rumani 8: 8 ci dice chì quelli chì sò "in a carne ùn ponu micca piace à Diu".

Ghjuvanni 15: 4 ci mostra chì ùn pudemu micca darà fruttu da solu è u versu 5 dice: "senza mè (Cristu) ùn pudete fà nunda". Galati 2:16 dice "perchè per l'opere di a lege, nisuna carne serà ghjustificata", è u versu 21 dice "se a ghjustizia vene per mezu di a lege, Cristu hè mortu inutile". Ebrei 7:18 ci dice "a lege ùn hà fattu nunda di perfettu".

Rumani 8: 3 & 4 dice: "Perchè ciò chì a legge era impotente à fà, in u fattu chì era indebulita da a natura peccaminosa, Diu hà fattu mandendu u so Figliolu à a forma di l'omu peccatore per esse un'offerta per u peccatu. È cusì hà cundannatu u peccatu in l'omu piccatore, per chì e ghjuste esigenze di a lege sianu cumpletamente cumplette in noi, chì ùn campemu micca secondu a natura peccaminosa ma secondu u Spiritu ".

Leghje Rumani 8: 1-15 è Colossenses 3: 1-3. Ùn pudemu micca esse puliti o esse salvati da e nostre opere belle è mancu pudemu esse santificati da l'opere di a lege. Galati 3: 3 dice "Avete ricevutu u Spìritu per l'opere di a lege o per l'audizione di a fede? Sì cusì scemu? Dopu avè principiatu in u Spìritu, site oramai perfetti in a carne? " È cusì, noi, cum'è Paulu, chì, ben sapendu u fattu chì ci semu liberi da u peccatu da a morte di Cristu, luttemu sempre (vede dinò Rumani 7) cun sforzu di sè stessu, essendu incapace di tene a legge è di fronte à u peccatu è u fallimentu, è gridendu "O disgraziatu chì sò, chì mi liberarà!"

Fighjemu ciò chì hà purtatu à u fallimentu di Paul: 1) A Lege ùn pudia micca cambiallu. 2) L'autosforzu hà fiascatu. 3) Più sapia à Diu è à a Lege, peghju paria. (U travagliu di a lege hè di rende noi assai peccatori, di rende u nostru peccatu evidenti. Rumani 7: 6,13) A Lege hà fattu capisce chì avemu bisognu di a gràzia è a putenza di Diu. Cum'è Ghjuvanni 3: 17-19 dice, più ci avvicinemu à a luce, più evidenti diventa chì simu sporchi. 4) Finisce frustratu è dice: "quale mi libererà?" "Nunda di bonu hè in mè". "U male hè presente cun mè". "Una guerra hè in mè". "Ùn possu micca realizallu." 5) A Lege ùn avia alcun pudere di risponde à e so dumande, solu cundannata. Dopu vene à a risposta, Rumani 7:25, "Ringraziu Diu, per mezu di Ghjesù Cristu u nostru Signore. Cusì Paulu ci porta à a seconda parte di a pruvista di Diu chì face a nostra santificazione pussibule. Rumani 8:20 dice, "u Spìritu di a vita ci libera da a lege di u peccatu è di a morte". U putere è a forza per vince u peccatu hè u Cristu IN NOI, U Spiritu Santu in noi. Leghjite dinò Rumani 8: 1-15.

A traduzzione New King James di Colossians 1: 27 & 28 dice chì hè u travagliu di u Spìritu di Diu per prisentacci perfetti. Dice: "Diu hà vulsutu fà sapè quale sò e ricchezze di a gloria di stu misteru trà i pagani chì ghjè, Cristu in voi, a speranza di gloria". Continua à dì "chì pudemu prisentà ogni omu perfettu (o cumpletu) in Cristu Ghjesù". Hè pussibule chì a gloria quì sia a gloria di a quale semu corti in Rumani 3:23? Leghjite 2 Corinzi 3:18 in chì Diu dice ch'ellu vole trasfurmassi in a maghjina di Diu da "gloria in gloria".

Ricordate chì avemu parlatu di u Spìritu chì vene per esse in noi. In Ghjuvanni 14: 16 è 17 Ghjesù hà dettu chì u Spìritu chì era cun elli vinaria per esse in elli. In Ghjuvanni 16: 7-11 Ghjesù hà dettu ch'ellu era necessariu per ellu per andà per chì u Spìritu venissi à stà in noi. In Ghjuvanni 14:20 Dice, "in quellu ghjornu sapete chì sò in u mo Babbu è voi in Me, è eiu in voi", esattamente ciò chì avemu parlatu. Questu era in realtà tuttu preditu in l'Anticu Testamentu. Joel 2: 24-29 parla di a so messa u Spìritu Santu in i nostri cori.

In Atti 2 (leghjelu), ci dice chì hè accadutu u ghjornu di e Penticoste, dopu à l'ascensione di Ghjesù à u celu. In Ghjeremia 31: 33 & 34 (riferitu in u Novu Testamentu in Ebrei 10:10, 14 è 16) Diu hà rializatu una altra prumessa, quella di mette a so lege in i nostri cori. In Rumani 7: 6 ci dice chì u risultatu di ste prumesse cumplete hè chì pudemu "serve à Diu in un modu novu è vivu". Avà, u mumentu chì diventemu un credente in Cristu, u Spìritu vene à stà (campà) in noi è HE rende pussibuli Rumani 8: 1-15 è 24. Leghjite puru Rumani 6: 4 & 10 è Ebrei 10: 1, 10, 14.

À questu puntu, mi piacerebbe chì leghjite è memorizessi Galati 2:20. Ùn ne scurdate mai. Stu versu riassume tuttu ciò chì Paul ci insegna nantu à a santificazione in un versu. «Sò crucifissu cun Cristu, eppuru campu; eppuru micca eiu ma Cristu stà in mè; è a vita chì campu avà in a carne, campu per fede in u Figliolu di Diu, chì m'hà amatu è si hè datu per mè ".

Tuttu ciò chì faremu chì piaci à Diu in a nostra vita cristiana pò esse riassuntu da a frasa, "micca eiu; ma Cristu ". Hè Cristu chì stà in mè, micca e mo opere o e bone azzioni. Leghjite questi versi chì parlanu ancu di a pruvista di a morte di Cristu (per rende u peccatu impotente) è di u travagliu di u Spìritu di Diu in noi.

I Petru 1: 2 2 Tessalonicani 2:13 Ebrei 2:13 Efesini 5:26 è 27 Colossesi 3: 1-3

Diu, per mezu di u so Spìritu, ci dà a forza di superà, ma va ancu più luntanu di quessa. Ci cambia da l'internu, trasfurmendu noi, trasfurmendu à l'imaghjini di u Figliolu di u Figliolu, Cristu. Avemu duvemu fiducia di ellu per fà. Questu hè un prucessu; iniziatu da Diu, cuntinuatu da Diu è cumpletu da Diu.

Eccu un elencu di prumesse di fiducia. Eccu Diu chì face ciò chì ùn pudemu micca fà, cambiendu ci è rendendoci santi cum'è Cristu. Filippesi 1: 6 «Esse sicuru di sta stessa cosa; chì Quellu chì hà iniziatu un bonu travagliu in voi a purtarà finu à a fine finu à u ghjornu di Cristu Ghjesù ".

Efesini 3: 19 & 20 "essendu pienu di tutta a pienezza di Diu ... secondu a putenza chì travaglia in noi". Quantu hè grande chì, "Diu hè in opera in noi".

Ebrei 13: 20 & 21 "Avà chì u Diu di a pace ... ti faci compie in ogni bona opera per fà a so vulintà, travagliendu in voi ciò chì piace bè in a so vista, per mezu di Ghjesù Cristu". I Petru 5:10 "u Diu di ogni grazia, chì ti hà chjamatu à a so gloria eterna in Cristu, ellu stessu serà perfettu, cunfirmatu, rinfurzatu è stabilitu".

I Tessalonicani 5: 23 & 24 "Avà chì u Diu di a pace ellu stessu vi santifichi interamente; è chì u vostru spiritu, l'anima è u corpu sianu cunservati cumpletti senza culpa à a venuta di u nostru Signore Ghjesù Cristu. Fidelu hè Quellu chì ti chjama, Chì a ferà ancu ellu ". A NASB dice "Hè ancu ellu chì a realizerà".

Ebrei 12: 2 ci dice di 'fissà i nostri ochji nantu à Ghjesù, l'autore è finitore di a nostra fede (NASB dice perfettore) ". I Corinzi 1: 8 & 9 "Diu vi cunfirmerà finu à a fine, senza colpa in u ghjornu di u nostru Signore Ghjesù Cristu. Diu hè fidu ", I Tessalonicani 3: 12 è 13 dice chì Diu" aumenterà "è" stabiliscerà i vostri cori senza difetti à a venuta di u nostru Signore Ghjesù ".

I Ghjuvanni 3: 2 ci dice "saremu cum'è ellu quandu u videremu cum'ellu hè". Diu hà da compie què quandu Ghjesù ritorna o andemu in celu quandu more.

Avemu vistu parechji versi chì anu indicatu chì a santificazione hè un prucessu. Leghje Filippesi 3: 12-14 chì dice: "Ùn aghju micca ghjuntu, nè mancu sò perfettu, ma aghju pressu versu u scopu di l'alta chiamata di Diu in Cristu Ghjesù". Un cummentariu adopra a parolla "perseguite". Non solu hè un prucessu ma participazione attiva hè implicata.

Efesini 4: 11-16 ci dice chì a chjesa hà da travaglià inseme per pudemu "cresce in tutte e cose in Quellu chì hè u Capu - Cristu". L'Scrittura usa ancu a parolla cresce in I Petru 2: 2, induve si leghje questu: "brama u latte puru di a parolla, affinchì tu possa cresce cusì". A crescita richiede u tempu.

Stu viaghju hè ancu descrittu cum'è camminendu. Camminà hè un modu lentu d'andà; un passu à a volta; un prucessu. I Ghjuvanni parla di marchjà in a luce (vale à dì, a Parolla di Diu). Galati dice in 5: 16 per marchjà in u Spìritu. I dui vanu à manu à manu. In Ghjuvanni 17:17 Ghjesù hà dettu "Santificali per mezu di a verità, a to parolla hè verità". A Parolla di Diu è u Spiritu travaglianu inseme in stu prucessu. Sò inseparabili.

Comenzemu à vede verbi d'azzione assai mentre studiamu questu tema: camminà, perseguite, desiderà, ecc. Se tornate à Rumani 6 è leghjite torna, ne viderete assai: cuntà, prisente, rendite, ùn pruduce. Ciò ùn significa micca chì ci sia qualcosa chì duvemu fà; chì ci sò cumandamenti da ubbidì; sforzu necessariu da parte nostra.

Rumani 6:12 dice "Ùn lasciate dunque u peccatu (vale à dì per via di a nostra pusizione in Cristu è di a putenza di Cristu in noi) regnà in i vostri corpi murtali". U versu 13 ci cumanda di presentà u nostru corpu à Diu, micca à u peccatu. Ci dice di ùn esse micca "schiavu di u peccatu". Queste sò e nostre scelte, i nostri cumandamenti da ubbidì; a nostra lista "da fà". Arricurdatevi, ùn la pudemu micca fà cù u nostru stessu sforzu ma solu per mezu di u so putere in noi, ma duvemu fà.

Avemu sempre da ricurdà chì hè solu per mezu di Cristu. I Corinzi 15:57 (NKJB) ci dà sta prumessa rimarchevuli: "grazie à Diu chì ci dà a vittoria per mezu di u nostru SIGNORE GESU CRISTU". Cusì ancu ciò chì "femu" hè per ellu, per mezu di u Spiritu in u putere di travagliu. Filippi 4:13 ci dice chì "pudemu fà tutte e cose per mezu di Cristu chì ci rinforza". Cusì hè: SEMPRE COME NON PUDEMU FÀ NUNDA SENZA LI, PUDEMU FÀ TUTTE LE COSE PER LI.

Diu ci dà u putere di "fà" tuttu ciò ch'ellu ci dumanda. Alcuni credenti u chjamanu u putere di a "risurrezzione" cum'è espressu in Rumani 6: 5 "simu in a somiglianza di a so risurrezzione". U versu 11 dice chì u putere di Diu chì hà risuscitatu u Cristu da i morti ci alza à a novità di a vita per serve à Diu in sta vita.

Filippesi 3: 9-14 esprime dinò questu "ciò chì hè per fede in Cristu, a ghjustizia chì deriva da Diu per fede". Hè evidenti da stu versu chì a fede in Cristu hè vitale. Avemu da crede per esse salvati. Duvemu ancu avè fede in a pruvista di Diu per a santificazione, vale à dì. A morte di Cristu per noi; a fede in u putere di Diu per travaglià in noi da u Spìritu; a fede ch'ellu ci dà u putere di cambià è a fede in Diu chì ci cambia. Nunda di questu hè pussibule senza fede. Ci cunnessa à a pruvista è a putenza di Diu. Diu ci santificherà mentre fidemu è ubbidemu. Duvemu crede abbastanza per agisce nantu à a verità; basta à ubbidì. Arricurdatevi di u coru di l'innu:

"Fideghja è ubbidisci Perchè ùn ci hè altra manera Di esse felice in Ghjesù Ma di fidà si di ubbidì".

Altri versi riguardanti a fede à stu prucessu (essendu cambiatu da a putenza di Diu): Efesini 1:19 è 20 "chì hè a grandezza eccessiva di a so putenza versu noi chì credimu, secondu u funziunamentu di u so putente putente chì hà travagliatu in Cristu quandu ellu u hà risuscitatu? da i morti ".

Efesini 3: 19 è 20 dice "affinchì siate pieni di tutta a pienezza di Cristu. Avà à quellu chì hè capace di fà assai abbondantemente sopra tuttu ciò chì dumandemu o pensemu secondu a putenza chì travaglia in noi". Ebrei 11: 6 dice "senza fede hè impussibule di fà piacè à Diu".

Rumani 1:17 dice "u ghjustu camparà per fede". Questu, credu, ùn si riferisce micca solu à a fede iniziale à a salvezza, ma a nostra fede di ghjornu in ghjornu chì ci cunnessa à tuttu ciò chì Diu furnisce per a nostra santificazione; a nostra vita d'ogni ghjornu è ubbidendu è camminendu in fede.

Vede ancu: Filippini 3: 9; Galati 3:26, 11; Ebrei 10:38; Galati 2:20; Rumani 3: 20-25; 2 Curinzî 5: 7; Efesini 3: 12 è 17

Ci vole a fede per ubbidì. Arricurdatevi di Galati 3: 2 & 3 "Avete ricevutu u Spìritu per l'opere di a lege o per l'audizione di a fede ... avè principiatu in u Spìritu site avà esse perfettu in a carne?" Sì avete lettu tuttu u passaghju si riferisce à vive per fede. Colossians 2: 6 dice "cum'è avete dunque ricevutu Cristu Ghjesù (per fede) cusì camminate in ellu". Galati 5:25 dice "Se campemu in u Spìritu, andemu ancu noi in u Spìritu".

Cusì cuminciamu à parlà di a nostra parte; a nostra ubbidienza; cum'è statu, a nostra lista "à fà", ricordate tuttu ciò chì avemu amparatu. Senza u so Spìritu ùn pudemu fà nunda, ma da u so Spìritu ellu ci rinforza mentre ubbidiscimu; è chì hè Diu Chì ci cambia per fà ci santi cum'è Cristu hè santu. Ancu in ubbidienza hè sempre tuttu di Diu - Ellu chì travaglia in noi. Hè tuttu di fede in ellu. Arricurdatevi di u nostru versu di memoria, Galati 2:20. Hè "micca eiu, ma Cristu ... campu per fede in u Figliolu di Diu". Galati 5:16 dice "cammina in u Spìritu è ​​ùn rializarete micca a brama di a carne".

Cusì vedemu chì ci hè sempre travagliu per noi di fà. Allora quandu o cumu ci apprupriamu, prufittemu o pigliamu a manu di u putere di Diu. Credu chì sia prupurziunale à i nostri passi di ubbidienza fatti in fede. Se simu pusati è ùn femu nunda, nunda ùn accadrà. Leghje Ghjacumu 1: 22-25. Se ignoremu a Sua Parolla (e so istruzzioni) è ùn ubbidemu, a crescita o u cambiamentu ùn averanu micca, cioè se ci vedemu in u specchiu di a Parolla cum'è in Ghjacumu è andemu è ùn simu micca fatti, simu peccatori è prufani . Arricurdatevi I Tessalonicani 4: 7 & 8 dice "Di conseguenza, quellu chì rifiuta questu ùn rifiuta l'omu, ma u Diu chì vi dà u so Spìritu Santu".

A Parte 3 ci mostrerà cose pratiche chì pudemu "fà" (vale à dì fà) in a so forza. Duvete piglià questi passi di fede ubbidiente. Chjamemu azzione pusitiva.

A nostra Parte (Parte 3)

Avemu stabilitu chì Diu vole cunformassi à l'imaghjini di u Figliolu. Diu dice chì ci hè qualcosa chì duvemu ancu fà. Ci vole a ubbidienza da parte nostra.

Ùn ci hè micca una sperienza "magica" chì pudemu avè chì istantaneamente ci trasforma. Cumu l'avemu dettu, hè un prucessu. Rumani 1:17 dice chì a ghjustizia di Diu hè rivelata da a fede à a fede. 2 Corinzi 3:18 a descrive cum'è trasfurmata in a maghjina di Cristu, da gloria in gloria. 2 Petru 1: 3-8 dice chì duvemu aghjunghje una virtù simile à Cristu à l'altra. Ghjuvanni 1:16 a descrive cum'è "grazia nantu à grazia".

Avemu vistu chì ùn pudemu micca fà per sforzu di sè stessu o per pruvà à mantene a lege, ma chì hè Diu chì ci cambia. Avemu vistu chì principia quandu simu nati torna è hè compiu da Diu. Diu dà à tempu a pruvista è u putere per a nostra prugressione di u ghjornu à ghjornu. Avemu vistu in Rumani capitulu 6 chì simu in Cristu, in a so morte, sepultura è risurrezzione. U versu 5 dice chì a putenza di u peccatu hè stata resa impotente. Simu morti per u peccatu è ùn averà micca duminazione nantu à noi.

Perchè Diu hè ghjuntu ancu à vive in noi, avemu u so putere, è cusì pudemu campà in modu chì li piacenu. Avemu amparatu chì Diu stessu stessu ci cambia. Promessa di cumplettà u travagliu Chì hà cuminciatu in noi per a salvezza.

Quessi sò tutti fatti. Rumani 6 dice chì cunsiderendu questi fatti duvemu cumincià à agisce nantu à elli. Ci hè bisognu di fede per fà questu. Quì cumencia u nostru viaghju di fede o di fiducia in ubbidienza. U primu "cumandamentu per ubbidì" hè esattamente quessa, a fede. Dice "cunziditevi chì sò morti veramente per u peccatu, ma vivi per Diu in Cristu Ghjesù u nostru Signore" Reckon significa cuntà nantu à questu, fiducia in ellu, cunsiderà chì hè vera. Questu hè un attu di fede è hè seguitatu da altri cumandamenti cum'è "rendite, ùn lasciate micca, è prisentate". A fede conta nantu à u putere di ciò chì significa esse mortu in Cristu è a prumessa di Diu di travaglià in noi.

Sò cuntentu chì Diu ùn s'aspetta micca à noi di capì tuttu què cumpletamente, ma solu di "agisce" nantu à questu. A fede hè a via di l'appropriazione o di cunnessione cù o piglià una presa di a pruvista è u putere di Diu.

A nostra vittoria ùn hè micca ottenuta da u nostru putere di cambià noi stessi, ma pò esse in proporzione à a nostra ubbidienza "fedele". Quandu "agimu", Diu ci cambia è ci permette di fà ciò chì ùn pudemu micca fà; per esempiu cambià desideri è attitudini; o cambià l'abitudini piccatori; chì ci dà u putere di "marchjà in a novità di a vita". (Rumani 6: 4) Ci dà "putenza" per ghjunghje à u scopu di a vittoria. Leghjite sti versi: Filippini 3: 9-13; Galati 2: 20-3: 3; I Tessalonicani 4: 3; I Petru 2:24; I Corinzi 1:30; I Petru 1: 2; Colossesi 3: 1-4 & 3: 11 & 12 & 1:17; Rumani 13:14 è Efesini 4:15.

I versi seguenti cunnettanu a fede à e nostre azzioni è à a nostra santificazione. Colossenses 2: 6 dice: "Cum'è vo avete dunque ricevutu Cristu Ghjesù, cusì camminate in ellu. (Semu salvati da a fede, dunque simu santificati da a fede.) Tutti i passi ulteriori in questu prucessu (camminata) sò cuntenenti è ponu esse realizati o ottenuti solu da a fede. Rumani 1:17 dice: "a ghjustìzia di Diu hè rivelata da a fede à a fede". (Ciò significa un passu à a volta.) A parolla "marchjà" hè spessu usata di a nostra sperienza. Rumani 1:17 dice ancu: "U ghjustu camparà per fede". Si parla di a nostra vita d'ogni ghjornu quant'è o più chè u so principiu à a salvezza.

Galati 2:20 dice "Sò crucifissu cun Cristu, eppuru campu, eppuru micca eiu ma Cristu stà in mè, è a vita ch'o campu avà in carne, campu per fede in u Figliolu di Diu chì m'hà amatu è si hè datu sè stessu per mè."

Rumani 6 dice in u versu 12 "dunque" o per via di noi stessi cum'è "morti in Cristu" simu avà per ubbidì à i prossimi cumandamenti. Avemu avà una scelta di ubbidì ogni ghjornu è mumentu per momentu, finu à chì campemu o finu à chì Ellu ritorna.

Cumencia cù una scelta di cede. In Rumani 6:12 a Versione King James usa sta parolla "cede" quandu dice "ùn cede micca i vostri membri cum'è strumenti di iniquità, ma renditevi à Diu". Credu chì cede hè una scelta per rinuncià à u cuntrollu di a vostra vita à Diu. Altre traduzzione ci facenu e parolle "presente" o "offerta". Questa hè una scelta per sceglie di dà à Diu u cuntrollu di a nostra vita è di offre noi stessi à ellu. Avemu prisentatu (dedicà) noi stessi à ellu. (Rumani 12: 1 & 2) Cum'è à un segnu di rendimentu, date u cuntrollu di sta intersezzione à un altru, cedemu u cuntrollu à Diu. Rendimentu significa permettelu di travaglià in noi; per dumandà u so aiutu; per cede à a so vulintà, micca a nostra. Hè a nostra scelta di dà à u Spìritu Santu u cuntrollu di a nostra vita è cede à ellu. Questa ùn hè micca solu una decisione unica, ma hè cuntinua, ogni ghjornu, è mumentu per mumentu.

Questu hè illustratu in Efesini 5:18 "Ùn siate briacu di vinu; induve hè eccessu; ma sia pienu di u Spìritu Santu .: Hè un cuntrastu apposta. Quandu una persona hè briaca si dice chì hè cuntrullata da l'alcol (sottu a influenza di questu). In cuntrastu ci hè dettu d'esse pienu di u Spìritu.

Avemu da esse vuluntariamente sottu u cuntrollu è l'influenza di u Spìritu. U modu più precisu per traduce u tempu verbale grecu hè "siate pienu di u Spìritu" denotendu una rinuncia cuntinua di u nostru cuntrollu à u cuntrollu di u Spìritu Santu.

Rumani 6:11 dice presenta i membri di u vostru corpu à Diu, micca à u peccatu. I versi 15 è 16 dicenu chì ci duverebbe prisentà cum'è schiavi di Diu, micca cum'è schiavi di u peccatu. Ci hè una prucedura in l'Anticu Testamentu chì un schiavu puderia fà sè stessu schiavu di u so maestru per sempre. Era un attu vuluntariu. Duvemu fà questu à Diu. Rumani 12: 1 & 2 dice "Per quessa, vi invitu, fratelli, per misericordia di Diu, di presentà u vostru corpu un sacrifiziu vivu è santu, accettatu da Diu, chì hè u vostru serviziu spirituale di cultu. È ùn site micca cunfurmati à stu mondu, ma trasfurmatevi cù u rinnovu di a vostra mente, "Questu pare ancu esse volontariu.

In l'Anticu Testamentu a ghjente è e cose eranu dedicate è messe da parte per Diu (santificatu) per u so serviziu in u tempiu da un sacrifiziu speciale è una ceremonia chì li presentava à Diu. Ancu se a nostra ceremonia pò esse persunale, u sacrifiziu di Cristu santifica digià u nostru rigalu. (2 Cronachi 29: 5-18) Ùn duvemu micca, allora, prisentacci à Diu una volta per sempre è ancu ogni ghjornu. Ùn ci duverebbe micca presentà à u peccatu in ogni mumentu. Ùn pudemu micca fà questu per mezu di a forza di u Spìritu Santu. Bancroft in Teologia Elementale suggerisce chì quandu e cose eranu cunsacrate à Diu in l'Anticu Testamentu Diu spessu inviava u focu per riceve l'offerta. Forse in a nostra cunsacrazione oghjinca (darci un rigalu à Diu cum'è sacrifiziu vivu) farà chì u Spìritu travaglia in noi in un modu speciale per dacci putenza annantu à u peccatu è campà per Diu. (U focu hè una parolla spessu assuciata à u putere di u Spìritu Santu.) Vede Atti 1: 1-8 è 2: 1-4.

Duvemu cuntinuà à darci à Diu è ubbidì lu ogni ghjornu, purtendu ogni fallimentu rivelatu in cunfurmità cù a vulintà di Diu. Eccu cumu diventemu maturi. Per capisce ciò chì Diu vole in a nostra vita è per vede i nostri fiaschi duvemu circà e Scritture. A parolla luce hè spessu usata per discrive a Bibbia. A Bibbia pò fà parechje cose è una hè di illuminà a nostra strada è di rivelà u peccatu. U Salmu 119: 105 dice "A to parolla hè una lampa per i mo pedi è una luce per u mo caminu". Leghje a Parolla di Diu face parte di a nostra lista "da fà".

A Parolla di Diu hè probabilmente a cosa più impurtante chì Diu ci hà datu in u nostru viaghju versu a santità. 2 Petru 1: 2 & 3 dice "Sicondu u so putere ci hà datu tuttu ciò chì tocca à a vita è a pietà per mezu di a vera cunniscenza di Quellu chì ci hà chjamatu à a gloria è a virtù." Dice tuttu ciò chì avemu bisognu hè attraversu a cunniscenza di Ghjesù è l'unicu locu per truvà tali cunniscenza hè in a Parolla di Diu.

2 Corinzi 3:18 porta questu ancu più luntanu dicendu: "Tutti noi, cù a faccia svelata chì guardemu, cum'è in un specchiu, a gloria di u Signore, semu trasfurmati in a listessa maghjina, da gloria in gloria, cum'è da u Signore , u Spìritu ». Quì ci dà qualcosa da fà. Diu per u so Spìritu ci cambierà, ci trasformerà un passu à a volta, se u guardemu. Ghjacumu si riferisce à e Scritture cum'è un spechju. Cusì ci vole à fighjallu in l'unicu locu evidenti chì pudemu, a Bibbia. William Evans in "I Grandi Duttrini di a Bibbia" dice questu in a pagina 66 nantu à stu versu: "U tempu hè interessante quì: Semu trasfurmatu da un gradu di caratteru o gloria à l'altru".

U scrittore di l'innu "Pigliate u tempu per esse santu" deve avè capitu questu quandu hà scrittu: n "Guardendu à Ghjesù, Cum'è ellu sarete, L'amichi in a vostra cundotta, A so somiglianza vedrà".

 

A cunclusione à questu naturalmente hè I Ghjuvanni 3: 2 quandu "simu cum'è ellu, quandu u videremu cum'ellu hè". Ancu s'ellu ùn capisce micca cumu Diu face questu, se ubbidemu leghjendu è studendu a Parolla di Diu, farà a so parte di trasfurmà, cambià, compie è finisce u so travagliu. 2 Timuteu 2:15 (KJV) dice à "Studia per mostràvi appruvatu à Diu, dividendu à ragione a parolla di verità". U NIV dice di esse unu "chì ghjustamente gestisce a parolla di verità".

Si dice cumunamente è scherzosu à e volte chì quandu passemu u tempu cun qualchissia cuminciamu à "parè" cum'è elli, ma hè spessu vera. Avemu tendenza à imità e persone cù chì passemu u tempu, agendu è parlendu cum'è elli. Per esempiu, puderiamu imità un accentu (cum'è noi chì femu se andemu in una nova zona di u paese), o pudemu imità gesti di a manu o altri manierismi. Efesini 5: 1 ci dice "Siate imitatori o Cristu cum'è figlioli cari". I zitelli amanu imità o imità è cusì duvemu imità u Cristu. Arricurdatevi di fà ciò passendu u tempu cun ellu. Dopu copiaremu a so vita, u caratteru è i valori; E so stesse attitudini è attributi.

Ghjuvanni 15 parla di passà u tempu cun Cristu in una manera diversa. Dice chì duvemu stà in ellu. Una parte di stà hè di passà u tempu à studià a Scrittura. Leghje Ghjuvanni 15: 1-7. Quì si dice "Sì restate in Me è e mo parolle abitanu in voi". Queste duie cose sò inseparabili. Significheghja più cà una lettura cursoria, significa leghje, pensalla è mette la in pratica. Chì u cuntrariu hè ancu veru si palesa da u versu "A cattiva cumpagnia currompe a bona morale". (I Corinzi 15:33) Dunque sceglite cun cura induve è cun quale passate u tempu.

Colossians 3:10 dice chì u novu eu deve esse "rinuvatu in cunniscenza à l'imaghjini di u so Creatore. Ghjuvanni 17:17 dice "Santificateli per a verità; a to parolla hè verità ". Quì hè spressa a necessità assoluta di a Parolla in a nostra santificazione. A Parolla ci mostra specificamente (cum'è in un specchiu) induve sò i difetti è induve duvemu cambià. Ghjesù hà dettu ancu in Ghjuvanni 8:32 "Allora cunniscerete a verità, è a verità vi libererà". Rumani 7:13 dice "Ma per chì u peccatu sia ricunnisciutu cum'è peccatu, hà pruduttu in mè per mezu di ciò chì era bonu, affinchì per mezu di u cumandamentu u peccatu pudessi diventà cumpletamente peccatore." Sapemu ciò chì Diu vole per mezu di a Parolla. Dunque ci vole à empie a nostra mente cun ella. Rumani 12: 2 ci invita à "esse trasfurmati da u rinnovu di a to mente". Avemu bisognu di passà da pensà a manera di u mondu à pensà a manera di Diu. Efesini 4:22 dice esse "rinuvatu in u spiritu di a vostra mente". Filippi 2: 5 sys "lasciate chì sta mente sia in voi chì era ancu in Cristu Ghjesù". A Scrittura rivela ciò chì hè a mente di Cristu. Ùn ci hè altru modu per amparà queste cose chì di saturà noi stessi cù a Parolla.

Colossesi 3:16 ci dice di "lasciate chì a Parolla di Cristu campi in voi riccu". Colossians 3: 2 ci dice di "mette a vostra mente nantu à e cose sopra, micca nantu à e cose di a terra". Questu hè più cà solu pensendu à elli, ma ancu dumandà à Diu di mette i so desideri in u nostru core è in a nostra mente. 2 Curintini 10: 5 ci ammonisce, dicendu "abbattendu l'imaginazioni è ogni cosa alta chì si esalta contr'à a cunniscenza di Diu, è purtendu in cattività ogni pensamentu per l'ubbidienza di Cristu".

A Scrittura ci insegna tuttu ciò chì avemu bisognu di sapè nantu à Diu u Babbu, Diu u Spìritu è ​​Diu u Figliolu. Ricordate chì ci dice "tuttu ciò chì avemu bisognu per a vita è a pietà per mezu di a nostra cunniscenza di Quellu chì ci hà chjamatu". 2 Petru 1: 3 Diu ci dice in I Petru 2: 2 chì crescemu cum'è cristiani amparendu a Parolla. Dice "Cum'è neonati, desiderate u latte sinceru di a parolla chì pudete cresce cusì". U NIV a traduce cusì, "per pudè cresce in a vostra salvezza". Hè u nostru cibu spirituale. Efesini 4:14 indica chì Diu vole chì simu maturi, micca zitelli. I Corinzi 13: 10-12 parla di mette fora e cose zitelline. In Efesini 4:15 Ellu voli chì "crescemu in tutte e cose in ellu".

A Scrittura hè putente. Ebrei 4:12 ci dice: "A parolla di Diu hè viva, putente è più acuta di qualsiasi spada à dui taglioli, perforendu ancu finu à a divisione di l'anima è di u spiritu, è di l'articuli è di a medula, è discernisce i penseri è l'intenti di u core ". Diu dice ancu in Isaia 55:11 chì quandu a so parolla hè parlata o scritta o in ogni modu hè mandata in u mondu, compie u travagliu chì hè destinatu à fà; ùn tornerà micca nulla. Cum'è l'avemu vistu, cundannerà u peccatu è cunvince a ghjente di Cristu; i purtarà à una cunniscenza salvatrice di Cristu.

Rumani 1:16 dice chì u Vangelu hè "a putenza di Diu per a salvezza di tutti quelli chì credenu". I Corinzi dicenu "u missaghju di a croce ... hè per noi chì sò salvati ... a putenza di Diu". À u listessu modu pò cunvince è cunvince u credente.

Avemu vistu chì 2 Corinzi 3:18 è Ghjacumu 1: 22-25 si riferenu à a Parolla di Diu cum'è un spechju. Fighjemu in un specchiu per vede cumu simu. Una volta aghju amparatu un cursu di a Bibbia di e Vacanze intitulatu "Vediti in u Spechju di Diu". Cunnoscu ancu un coru chì descrive a Parolla cum'è un "specchiu di a nostra vita da vede". Tramindui esprimenu a stessa idea. Quandu guardemu in a Parolla, leghjendu è studendu cum'è duverebbe, vedemu noi stessi. Spessu ci mostrerà u peccatu in a nostra vita o in un certu modu in cui simu corti. Ghjacumu ci dice ciò chì ùn duvemu micca fà quandu ci vedemu. "Sì qualchissia ùn hè micca un facente hè cum'è un omu chì osserva u so visu naturale in un specchiu, perchè osserva u so visu, si ne và è si scorda subitu di chì tipu d'omu era". Simile à questu hè quandu dicemu chì a Parolla di Diu hè luce. (Leghje Ghjuvanni 3: 19-21 è I Ghjuvanni 1: 1-10.) Ghjuvanni dice chì duvemu marchjà in a luce, videndu noi stessi cum'è rivelati à a luce di a Parolla di Diu. Ci dice chì quandu a luce palesa u peccatu ci vole à cunfessà u nostru peccatu. Ciò significa ammettà o ricunnosce ciò chì avemu fattu è ammettemu chì hè peccatu. Ùn significa micca supplicà o dumandà o fà una bona azzione per guadagnà u nostru perdonu da Diu, ma solu per accettà cun Diu è ricunnosce u nostru peccatu.

Ci hè veramente una bona nutizia quì. In u versu 9 Diu dice chì sè noi cunfessemu u nostru peccatu, "Ghjè fidu è ghjustu per pardunacci u nostru peccatu", ma micca solu què ma "per purificacci da ogni iniquità". Ciò significa chì ci purifica da u peccatu chì ùn ne simu mancu cuscienti o cuscenti. S'è no fiascemu, è peccemu dinò, ci vole à cunfèselu torna, ogni tantu chì hè necessariu, finu à chì semu vittoriosi, è ùn simu più tentati.

Tuttavia, u passaghju ci dice ancu chì, se ùn confessemu micca, a nostra cunfraternità cù u Patre hè rotta è continueremu à falla. S'è no ubbidiscimu Ellu ci cambierà, sì no, ùn cambieremu micca. A mio parè questu hè u passu più impurtante in a santificazione. Pensu chì questu hè ciò chì femu quandu a Scrittura dice di rimandà o mette da parte u peccatu, cum'è in Efesini 4:22. Bancroft in Teulugia Elementale dice di 2 Curinziani 3:18 "simu trasfurmati da un gradu di caratteru o gloria à l'altru". Una parte di stu prucessu hè di vedeci in u specchiu di Diu è duvemu cunfessà i difetti chì vedemu. Ci vole un pocu di sforzu da parte nostra per piantà e nostre cattivi abitudini. U putere di cambià vene per mezu di Ghjesù Cristu. Duvemu fidallu è dumandallu à a parte chì ùn pudemu micca fà.

Ebrei 12: 1 & 2 dice chì duvemu 'alluntanà ... u peccatu chì ci faci cusì facilmente intrappulà ... guardendu à Ghjesù l'autore è finitore di a nostra fede ". Pensu chì questu hè ciò chì Paul vulia dì quandu hà dettu in Rumani 6:12 di ùn lascià u peccatu regnà in noi è ciò chì hà vulsutu dì in Rumani 8: 1-15 riguardu à permette à u Spìritu di fà u so travagliu; à marchjà in u Spìritu o à marchjà in a luce; o qualsiasi di l'altri modi chì Diu spiega u travagliu cooperativu trà a nostra ubbidienza è fiducia in l'opera di Diu per mezu di u Spìritu. U Salmu 119: 11 ci dice di memorizà a Scrittura. Dice "A to parolla aghju piattatu in u mo core per ùn pudè peccà contru à tè". Ghjuvanni 15: 3 dice "Site digià pulitu per via di a parolla ch'e aghju dettu per voi". A Parolla di Diu ci ramintarà à tramindui di ùn peccà è ci cundannerà quandu femu peccatu.

Ci hè parechje altre versi chì ci aiutanu. Titus 2: 11-14 dice à: 1. Negà a impietà. 2. Vive Dieu in sta presente età. 3. Ellu ci redimverà di ogni atto legale. 4. Ellu purificà per ellu stessu U so propiu populu speziale.

2 Corinzi 7: 1 dice di purificà noi stessi. Efesini 4: 17-32 è Colossiani 3: 5-10 elenca alcuni peccati chì ne duvemu abbandunà. Esce assai specificu. A parte pusitiva (a nostra azzione) vene in Galatini 5:16 chì ci dice di caminari in u Spìritu. Efesini 4:24 ci dice di mette l'omu novu.

A nostra parte hè descritta cum'è camminendu in a luce è cum'è camminendu in u Spiritu. Sia i Quattru Vangeli sia l'Epistole sò pieni d'azzione pusitive chì duvemu fà. Queste sò azzioni chì ci sò urdinati di fà cum'è "amore", o "pregà" o "incuraghjà".

In possibbilmente u megliu sermone chì aghju mai intesu, l'oratore hà dettu chì l'amore hè qualcosa chì fate; in uppusizione à qualcosa chì senti. Ghjesù ci hà dettu in Matteu 5:44 "Amate i vostri nemichi è pregate per quelli chì vi perseguitanu". Pensu chì tali azzioni discrivenu ciò chì Diu vole dì quandu ellu ci cumanda di "camminà in u Spìritu", fendu ciò ch'ellu ci cumanda mentre in listessu tempu avemu fiducia in ellu per cambià e nostre attitudini interiore cum'è rabbia o risentimentu.

Pensu veramente chì se ci occupemu di fà l'azzioni pusitive chì Diu cummanda, ci truveremu cun assai menu tempu per mette in guai. Hà un effettu pusitivu nantu à cume ci sentimu ancu. Cum'è Galati 5:16 dice "cammina per u Spìritu è ​​ùn purtarete micca u desideriu di a carne". Rumani 13:14 dice "mette nantu à u Signore Ghjesù Cristu è ùn fate micca pruvisione per a carne, per rializzà e so brame".

Un altru aspettu da cunsiderà: Diu castigherà è curregerà i so figlioli se continuemu à seguità una strada di peccatu. Ddu percorsu porta à a distruzzione in questa vita, se ùn confessemu micca u nostru peccatu. Ebrei 12:10 dice ch'ellu ci castiga "per u nostru prufittu, per pudè esse fatti participanti di a so santità". U versu 11 dice "dopu dà u fruttu pacificu di a ghjustìzia à quelli chì sò furmati da questu". Leghje Ebrei 12: 5-13. U versu 6 dice "Per quellu chì u Signore ama, castiga". Ebrei 10:30 dice chì u "Signore ghjudicherà u so pòpulu". Ghjuvanni 15: 1-5 dice ch'ellu pruneghja i vignaghjoli per pudè darà più frutti.

Se vi truvate in questa situazione tornate à I Ghjuvanni 1: 9, ricunnosce è confessate u vostru peccatu ad ellu ogni volta chì ne avete bisognu è ricuminciate. I Petru 5:10 dice: "Chì Diu ... dopu avè patitu un pocu tempu, perfezziunate, stabilite, rinfurzate è stabilite". A disciplina ci insegna a perseveranza è a fermezza. Arricurdatevi, tuttavia, chì a cunfessione ùn pò micca toglie cunsequenze. Colossesi 3:25 dice: "Quellu chì face u male serà rimbursatu per ciò ch'ellu hà fattu, è ùn ci hè micca parzialità". I Corinzi 11:31 dice "Ma se ghjudicamu noi stessi, ùn sariamu micca ghjudicati". U versu 32 aghjusta: "Quandu simu ghjudicati da u Signore, simu disciplinati".

Stu prucessu di diventà cum'è Cristu continuerà finchè campemu in u nostru corpu terrestre. Paul dice in Filippini 3: 12-15 chì ùn avia micca ghjuntu, nè era ancu perfettu, ma continuerà à pressà è perseguite u scopu. 2 Petru 3:14 è 18 dicenu chì duvemu "esse diligenti per esse truvati da ellu in pace, senza macchie è senza difetti" è per "cresce in grazia è in cunniscenza di u nostru Signore è Salvatore Ghjesù Cristu".

I Tessalonicani 4: 1, 9 è 10 ci dicenu di "abbondà sempre di più" è "aumentà di più in più" in amore per l'altri. Una altra traduzzione dice di "excel sempre più". 2 Petru 1: 1-8 ci dice di aghjunghje una virtù à l'altra. Ebrei 12: 1 & 2 dice chì duveriamu corre a corsa cù resistenza. Ebrei 10: 19-25 ci incuraghjenu à cuntinuà è à ùn rinuncià mai. Colossians 3: 1-3 dice di "mette a nostra mente nantu à e cose sopra". Questu significa mette lu quì è mantene lu.

Ricurdativi hè Diu chì face questu mentre ubbidemu. Filippesi 1: 6 dice: "Esse fiduciosu di sta cosa stessa, chì Quellu chì hà iniziatu un bon travagliu in a realizerà finu à u ghjornu di Cristu Ghjesù". Bancroft in Teulugia Elementale dice à a pagina 223 "A santificazione cumencia à l'iniziu di a salvezza di u credente è hè cumuna cù a so vita in terra è ghjunghjerà à u so culmine è a so perfezione quandu Cristu rientra". Efesini 4: 11-16 dice chì esse parte di un gruppu lucale di credenti ci aiuterà ancu à ghjunghje à questu scopu. "Finu à noi tutti di vene ... à un omu perfettu ... chì pudemu cresce in ellu", è chì u corpu "cresce è si custruisce in amore, cume ogni parte face u so travagliu".

Titu 2: 11 è 12 "Perchè a gràzia di Diu chì porta a salvezza hè apparsa à tutti l'omi, insegnendu ci chì, nigendu l'impietà è e brame mundane, duviamu campà sobriamente, ghjustamente è pietosa in l'età presente". I Tessalonicani 5: 22-24 "Avà u Diu di a pace ellu stessu vi santificarà cumpletamente; è chì tuttu u vostru spiritu, anima è corpu sia cunservatu senza colpa à a venuta di u nostru Signore Ghjesù Cristu. Quellu chì vi chjama hè fidu, chì a ferà ancu ellu ".

Avete a parlà? Avete una pregunta?

Se vulete cuntattate per via di guida spirituale, o per seguità l'assistenza, fatevi liberu di scrive à noi photosforsouls@yahoo.com.

Aghjustassi a vostra prichera è aspetta à avè usatu in eternità!

 

Cliccate quì per "Pace cun Diu"